oristano
cronaca

Il Tirso invade i bagnetti termali dell’Ottocento

Fordongianus. Chiusa una parte dello stabilimento dopo il rilascio di acqua dalla diga di Pranu Antoni


01 dicembre 2021


FORDONGIANUS. Ventiquattro ore fa l’allerta è rientrata ma con la prossima ondata di maltempo si temono nuove piene e altri allagamenti nelle aree in prossimità del Tirso. Nella giornata di lunedì i rilasci forzosi dalla dighetta di Pranu Antoni hanno causato l’esondazione del fiume in corrispondenza degli antichi bagnetti termali e vicino all’area archeologica. Qui l’acqua ha invaso la Natatio esterna alla recinzione senza però interessare il resto degli impianti e i monumenti principali, alcuni dei quali sottoposti a restauro, mentre è riuscita a penetrare nei bagnetti dell’Ottocento, che si trovano più a valle.

Già ieri, comunque, la situazione è tornata sotto controllo. Il livello del fiume si è abbassato e questo ha permesso al gestore del sito di effettuare le prime operazioni di ripristino del sito rimuovendo il fango dalle vasche e dagli altri ambienti interni. Le strutture, regolarmente frequentate per i trattamenti terapeutici, erano state preventivamente svuotate e chiuse al pubblico in via precauzionale. Le piogge intense di fine e inizio settimana hanno obbligato l’ente gestore delle acque ad aprire le paratie dell’invaso artificiale tra Fordongianus e Busachi, ma anche con tutti gli accorgimenti del caso sarebbe stato impossibile impedire l’avanzata del fiume sin dentro l’edificio.

«Dal regime di pre allerta dei giorni precedenti, lunedì si è passati a quello di allerta, ma avevamo sgomberato i bagnetti termali già alle prime avvisaglie della piena. Oggi le acque si sono ritirate ma è annunciata un’altra perturbazione e per ragioni di sicurezza i bagnetti rimarranno chiusi anche nei prossimi giorni», ha detto ieri la presidente della cooperativa Forum Traiani, Pina Vacca. Sulla strada che attraversa il parco archeologico-fluviale c’è un progetto di messa in sicurezza. Gli elaborati tecnici commissionati dal Comune sono stati sottoposti al vaglio della Sovrintendenza per un parere preliminare. (mac)

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.