Per Torregrande tanti investimenti

I principali per l’asse ciclopedonale verso il porticciolo e l’Area grandi eventi

ORISTANO. Dal bando Rigenerazione Urbana arriveranno 3 milioni per Torregrande. Lutzu stavolta non cita il masterplan che fu cavallo di battaglia della sua campagna elettorale, ma è chiaro che si rivolge proprio a chi gli ha contestato la sua mancata realizzazione. «Con un milione e 800mila euro realizzeremo un asse ciclopedonale attrezzato che collegherà villa Baldino al porticciolo, risolvendo così un problema cronico della borgata marina».

L’intervento dovrebbe dunque chiudere il quadro del litorale: «Sul lungomare urbano interverremo a breve con i 6 milioni della programmazione territoriale, mentre l’area che va dall’ex colonia Eca alla foce sarà riqualificata con le quote a carico dell’Ivi previste dalla convenzione con il Comune per la realizzazione dell’intervento turistico al Pontile».

Un milione e 200mila euro saranno impiegati per portare a conclusione una delle storiche incompiute, l’area grandi eventi di Torregrande, dove i lavori cominciarono nel 2008. Non si è ancora riusciti a realizzare l’impianto di illuminazione, i parcheggi e la connessione con la provinciale tra Cabras e Torregrande e così non è mai stata utilizzata. Ora, insieme all’area camper adiacente, potrebbe finalmente essere completata, così da andare in gestione all’esterno – l’ultimo bando è andato deserto –.

La partita potrebbe intersecarsi con un nuovo investimento turistico nella vicina area della Sarda Bitumi. Le attività, dopo l’acquisizione societaria da parte della Ivi, sono state trasferite al porto industriale, ma l’investimento non è mai andato avanti a causa degli usi civici che gravano sui terreni. Con le nuove norme statali e regionali, però, il Comune potrebbe trasferire i vincoli altrove. (dav.pi.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes