La Nuova Sardegna

Oristano

Carcere di Massama, il direttore Farci va in pensione

Carcere di Massama, il direttore Farci va in pensione

ORISTANO. «Il mio rammarico è non aver potuto dedicarmi in modo esclusivo a un solo Istituto Penitenziario, troppi impegni da gestire per riuscire ad ascoltare costantemente e con l’attenzione...

04 febbraio 2022
2 MINUTI DI LETTURA





ORISTANO. «Il mio rammarico è non aver potuto dedicarmi in modo esclusivo a un solo Istituto Penitenziario, troppi impegni da gestire per riuscire ad ascoltare costantemente e con l’attenzione dovuta il personale e i detenuti. Il mio orgoglio è quello di essere riuscito a contribuire con sei campagne di scavi archeologici e il lavoro di una quarantina di detenuti alla valorizzazione di Monti Prama e dell’Anfiteatro Romano di Fordongianus». Così Pierluigi Farci che dopo 38 anni di servizio è andato in pensione martedì.

Da sempre Direttore del Penitenziario di Oristano, prima in quello di piazza Mannu e ultimamente della Casa di Reclusione di Massama Farci dal 2014 ricopriva l’incarico di Direttore dell’Ufficio Personale del Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria e il ruolo di Vicario. Farci, ha gestito diversi Istituti Penitenziari dal 1984 a oggi.

Dopo una iniziale breve parentesi a Bergamo, assegnato a Oristano, ha ricoperto l’incarico di Direttore dopo l’evasione di Nicolò Floris e Salvatore Fais (Speedy Gonzales). Anni “caldi” dei sequestri di persona a scopo di estorsione. Successivamente è Stato per 6 anni a Isili ma poi ha sempre avuto incarichi a scavalco con Is Arenas, Nuoro, Sassari, Macomer, dove ha inaugurato l’allora Istituto di “Sa Stoia”. Una vita professionale a stretto contatto con personaggi di spicco della criminalità italiana. La carenza di dirigenti per le strutture penitenziarie sarà più marcata. Adesso operano solo 4 direttori per 10 istituti e il Provveditore Maurizio Veneziano è ormai in scadenza di mandato. Secondo l’associazione Sdr, una delle situazioni più delicate nell’isola si presenta proprio a Massama, che continua ad avere detenuti oltre il limite regolamentare.

Bassa valle del Coghinas

Invasi nell’occhio del ciclone: è scontro tra gli agricoltori e l’Enas

di Claudio Zoccheddu
Le nostre iniziative