La Nuova Sardegna

Oristano

Lavori pubblici e viabilità

Tagli stradali a Oristano sulla segnaletica appena rifatta, uno spreco di soldi

di Enrico Carta

	I tagli stradali in via Brunelleschi sulla segnaletica appena rifatta
I tagli stradali in via Brunelleschi sulla segnaletica appena rifatta

Il caso di via Brunelleschi non è l’unico: due settimane fa il Comune ha fatto dipingere le nuove strisce per i parcheggi, adesso i lavori le cancellano

07 giugno 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano Sembra uno di quei casi in cui la mano destra non sa quello che fa la sinistra. Due settimane fa in via Brunelleschi, l’amministrazione comunale aveva proceduto a dipingere la segnaletica stradale sbiadita da anni. «Bene», hanno pensato in tanti, salvo rimanere a bocca aperta negli ultimi due giorni perché il lavoro è stato in parte reso vano. Un altro, di lavoro, è iniziato per il miglioramento delle linee elettriche e ha richiesto lo sventramento della strada. È un intervento indispensabile, ma che ha cancellato il precedente. Risultato? Spreco di soldi e di tempo: la segnaletica andrà rifatta. Chissà quando.

La domanda è se esista un coordinamento tra le varie attività che vengono svolte da o per conto del Comune. La risposta non c’è bisogno di cercarla chissà dove perché la danno direttamente i fatti. E quello di via Brunelleschi non è certo un caso, anche perché sulla questione annosa dei tagli stradali in occasione di lavori o allacci e sul ripristino dell’asfalto si parlerà, su richiesta del consigliere di Oristano Più Efisio Sanna, in commissione consiliare ai Lavori pubblici nella prossima seduta. Il regolamento è vecchio di anni e le storture non mancano. Soprattutto sono tantissimi i casi in cui i ripristini non vengono fatti a regola d’arte o proprio non vengono fatti.

Il problema che associa la viabilità ai lavori pubblici è anche al centro di un’interpellanza presentata dal centro sinistra, con prima firmataria la consigliera del Pd, Maria Obinu. Riguarda la zona a traffico limitato e la raffica di multe arrivate in questi giorni. Non è una levata di scudi contro le contravvenzioni per chi non rispetta il codice della strada, ma un rimprovero al Comune che non è stato in grado di gestire la presenza del cantiere di piazza Manno in maniera organica con il traffico della zona. L’interpellanza evidenzia infatti che la chiusura di quella parte di città e le modifiche alla circolazione costringono molti automobilisti a transitare proprio all’interno della Ztl. Infatti, nell’interpellanza vengono mostrate tutte le perplessità sul perché «l’osservanza dei divieti della Ztl sia stata incrementata proprio in questo periodo di grave disagio che sta arrecando ai cittadini e soprattutto agli esercenti che lavorano in via Duomo, via De Castro e piazza Eleonora, la chiusura al traffico di parte di via Cagliari, all’altezza di piazza Manno. Tutti sappiamo che parte del traffico per l’accesso a via Duomo è stato dirottato proprio in via Gio Maria Angioy, uno degli ingressi per la Ztl».

In Primo Piano
Tragedia nella notte

Investe un gregge, scende dall’auto e viene travolto da un’auto pirata: muore un 62enne

Le nostre iniziative