La Nuova Sardegna

Oristano

Denuncia della Uil

Nuova aggressione a un agente nel carcere di Massama


	Il carcere alle porte di Oristano
Il carcere alle porte di Oristano

Dopo gli analoghi fatti dei giorni scorsi. Da ieri due nuovi psichiatri nella struttura

05 settembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano Ancora tensione a Massama. Un detenuto cerca di aggredire un agente , poi lo minaccia di morte e riesce a sputarlo in faccia.

Intervento dei segretario della Uilpa Michele Cireddu. «La situazione e’ letteralmente fuori controllo, i Poliziotti sono aggrediti fisicamente e sono lesi anche nella dignità, è una vera e propria vergogna! Dopo le recenti aggressioni a danno di diversi Poliziotti, per ultime quelle messe in atto da detenuti appartenenti al circuito dell’alta sicurezza, continuano gli episodi di violenza all’interno dell’Istituto oristanese, dove un detenuto appartenete al circuito media sicurezza ha inizialmente cercato di aggredire un Agente per poi sputarlo in faccia minacciandolo ripetutamente di morte. Sono quindi intervenuti altri Poliziotti che hanno riaccompagnato il detenuto nella propria camera per evitare potesse continuare nella sua azione violenta. L’Agente visibilmente scosso è stato quindi accompagnato in infermeria dove il medico ha prescritto dei controlli per escludere il contagio di malattie». Per Michele Cireddu «Il carcere di Oristano è ormai fuori controllo, le aggressioni a danno dei Poliziotti si susseguono a ritmo vertiginoso. L’episodio accaduto in data odierna e’ letteralmente indegno. Il personale di Polizia Penitenziaria di Oristano sta attraversando uno dei periodi più bui da quando l’Istituto e’ stato varato. Non comprendiamo il senso della recente ispezione avvenuta da parte del Dipartimento se non sono sussegui interventi concreti».

Intanto da lunedì 4 settembre, sono in servizio due nuovi psichiatri presso il carcere. I medici garantiranno un servizio di circa 40 ore settimanali nella casa circondariale di Oristano. L’azienda sanitaria numero cinque rimane impegnata nel trovare ulteriori soluzioni per recuperare nuovo personale medico per la casa di reclusione.

In Primo Piano
Monta la protesta

Agricoltori e allevatori sardi si mobilitano: il 17 giugno comincia il “mese della collera” contro i danni della siccità

Le nostre iniziative