La Nuova Sardegna

Oristano

Il rogo

Incendio in una cucina a Sedilo, anziana si salva e dà l’allarme


	L'intervento dei vigili del fuoco in via De Castro a Sedilo
L'intervento dei vigili del fuoco in via De Castro a Sedilo

Le fiamme in una casa di via De Castro spente dall’intervento dei vigili del fuoco. A generarle è stato il probabile malfunzionamento di una stufa

05 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sedilo La lucidità e la prontezza nell’allontanarsi e nel chiedere soccorsi hanno salvato un’anziana di 91 anni che ha rischiato di rimanere ferita nell’incendio che ha interessato la cucina della sua casa. Attorno alle 14 di oggi, domenica 5 novembre, una fiammata partita probabilmente da una stufetta alimentata con le classiche bombole a gas, ha generato un incendio che ha interessato la cucina della casa di via De Castro in cui abita da sola. La stessa anziana ha dato l’allarme chiedendo l’intervento dei vigili del fuoco che, immediatamente, sono partiti con una squadra dal distaccamento di Abbasanta.

Il tempo di arrivare a Sedilo e purtroppo le fiamme avevano già fatto i loro danni, incenerendo per intero elettrodomestici, mobili, sedie e suppellettili della cucina, mandando fuori servizio l’intero impianto elettrico della casa, annerendo le pareti e creando problemi anche alla pavimentazione. I vigili del fuoco sono però riusciti a portar via dalla stanza la bombola della stufa, evitando quindi danni ben peggiori alla struttura in caso di esplosione. Dal canto suo, la signora non ha riportato conseguenze fisiche, ma ha dovuto lasciare la sua casa proprio a causa dei problemi all’impianto elettrico e per motivi precauzionali perché la sicurezza all’interno dell’abitazione, al momento, non è del tutto garantita. Ha trascorso la giornata a casa di parenti che la ospiteranno anche per la notte, in attesa di sistemare la casa e di potervi fare rientro quanto prima. (e.carta)

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative