La Nuova Sardegna

Oristano

Cronaca

Rapina all’ufficio postale di Ollastra. Una dipendente ha un malore: portata in ospedale

di Enrico Carta

	L'ufficio postale di Ollastra rapinato nel pomeriggio (foto Francesco Pinna)
L'ufficio postale di Ollastra rapinato nel pomeriggio (foto Francesco Pinna)

Due banditi hanno fatto irruzione nella sede di via Tuveri attorno alle 14.30. Uno di loro aveva con sé una pistola

11 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Ollastra Due banditi, uno armato di pistola, hanno rapinato l’ufficio postale di Ollastra in via Tuveri. I malviventi sono entrati in azione nel primo pomeriggio, attorno alle 14.30 di oggi, lunedì 11 dicembre. Stando alle prime informazioni, all’interno c’erano solo dipendenti e l’arma non è stata usata. Non si conosce ancora l’entità del bottino, anche se si parla di una cifra che supera i 2mila euro e forse raggiunge i 3mila, e si sospetta che i due fossero accompagnati da un complice rimasto all’esterno dei locali. Sono intanto iniziati i primi accertamenti da parte delle forze dell’ordine che con i loro corpi speciali stanno cercando elementi e tracce biologiche che possano indirizzare da subito le indagini nella giusta direzione. Le cronache non annotavano da parecchio tempo episodi simili. Uno degli ultimi accaduti in provincia è quello all’ufficio postale di Paulilatino. Era il 5 ottobre del 2022 e anche in quell’occasione i banditi che fecero irruzione erano due e avevano con sé la pistola.

Mentre la zona è stata blindata e le strade circostanti sono pattugliate in cerca di auto di possibili sospetti, si apprende che una dipendente dell’ufficio postale ha avuto un malore durante la rapina, motivo per cui è stata poi portata in ospedale. Le prime informazioni sulle sue condizioni di salute sono comunque rassicuranti e pare che gli accertamenti siano stati disposti in via precauzionale. (NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO)

Elezioni regionali 2024
Dopo il voto

Le associazioni di categoria ad Alessandra Todde: «Energia e trasporti le priorità per l’isola»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative