La Nuova Sardegna

Oristano

La polemica

Oncologia al San Martino di Oristano, la Asl replica alle accuse del consigliere regionale Solinas (M5S)


	Immagine di repertorio dell'ambulatorio di oncologia del San Martino
Immagine di repertorio dell'ambulatorio di oncologia del San Martino

«Numeri in crescita, nessun paziente dimenticato»

11 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano “Nessun ridimensionamento dei servizi sanitari e, tanto meno, nessun caos nella Struttura Complessa di Oncologia ed Ematologia dell’ospedale San Martino di Oristano. Piuttosto un potenziamento della stessa, confortato dai numeri in crescendo del 2022 e del 2023”. Lo hanno precisato il direttore sanitario della Asl 5, Antonio Maria Pinna e il direttore della stessa Struttura Complessa di Oncologia e  Luigi Curreli, in merito all’allarme lanciato dalle dichiarazioni del consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle Alessandro Solinas.

Secondo la Asl nel 2023 i numeri totali degli accessi fra Day Hospital e prestazioni ambulatoriali sono stati 18.276, più 32 per cento rispetto al 2022 (13.830). Dati anche migliori rispetto al periodo pre-Covid, 15772 nel 2019, con un aumento del 15 per cento.

Secondo Curreli e Pinna «il considerevole aumento delle richieste non consente al momento il follow-up secondo le tempistiche precedenti. Stiamo però parlando di pazienti già guariti, per i quali la recidiva non si trova dietro la porta e comunque, al momento, appare poco probabile. Nessuna scelta viene mai fatta a rischio del paziente, ma tenendo conto delle procedure e delle tempistiche previste dai protocolli sanitari internazionali».

Non si registrerebbero ritardi neppure per i pazienti affetti da tumore. «Questi ultimi vengono  presi in carico immediatamente dalla nostra Struttura attraverso il nuovo Centro Accoglienza Servizi, che già conta 34 pazienti di prima diagnosi presi in carico nell’ultimo trimestre. Certo è che il notevole aumento delle attività di Day Hospital, in questa fase dell’anno, ha reso necessario, come scelta strategica, di dilatare nel tempo le visite di follow-up dei pazienti guariti – ha aggiunto Curreli _  ma che comunque rimangono sotto osservazione».

 I ricoveri in Day Hospital in Oncologia nel 2023 sono stati 598, il 15 per cento in più rispetto al 2022 (519), gli accessi 10989, più 25 per cento (9794 nel 2022). In Ematologia 247 ricoveri in Day Hospital nel 2023, più 23 per cento (201 nel 2022), gli accessi 2928, più 28 per cento (2285 nel 2022). Per quanto riguarda le attività ambulatoriali in Oncologia (prime visite, visite di controllo, chemioterapia, etc.) si registrano 2405 prestazioni nel 2023, più 16 per cento rispetto al 2022 (2073). Invece in Ematologia le visite e le prestazioni ambulatoriali nel 2023 sono state 1954, più 288 per cento del 2022 (678).

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative