La Nuova Sardegna

Oristano

Sanità

Il medico di base avrà 500 pazienti in meno, difficoltà nell’assistenza a San Nicolò d’Arcidano


	Una visita in un ambulatorio medico
Una visita in un ambulatorio medico

Il calo di assistiti legato al fatto che il dottore deve seguire il corso di specializzazione in medicina generale. Da rifare la trafila per l’assegnazione, ma molti resteranno senza il vecchio medico

13 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





San Nicolò d’Arcidano Il pericolo peggiore è scongiurato perché il medico di base rimane in servizio. Da domani, giovedì 14 marzo, avrà però un numero ridotto di pazienti perché ne potrà assistere solo mille. È quanto si verificherà a San Nicolò d’Arcidano, dove il dottor Stefano Vacca si è dimesso dall’incarico provvisorio, per il quale assisteva 1.500 pazienti, perché si è iscritto a una scuola di specializzazione di medicina generale. Secondo quanto previsto per legge lo stesso medico assumerà un nuovo incarico provvisorio, che però gli consentirà di avere un massimale di 1.000 pazienti.

Ecco le modalità comunicate dal distretto sanitario di Ales-Terralba, diretto dal dottor Andrea Floris, per la sua nuova scelta da parte dei pazienti: «A partire del pomeriggio di giovedì 14 marzo, sarà possibile effettuare la scelta del medico sostituto di San Nicolò d’Arcidano secondo il seguente schema orario: dal lunedì al venerdì dalle 15 sino all’esaurimento dei posti disponibili. La scelta potrà avvenire unicamente al Poliambulatorio di Terralba o attraverso la procedura online: verranno distribuiti 90 numeri per serata fino al massimale dei 1.000 previsti. Ogni paziente potrà effettuare scelte con delega solo per il proprio nucleo familiare convivente o per un familiare non autosufficiente. Le badanti potranno, su delega, effettuare la scelta per il proprio assistito. Si raccomanda di presentarsi allo sportello con le fotocopie del documento di identità a con la tessera sanitaria sia propri che del delegante».

La direzione generale dell’Asl 5 e la Struttura Semplice Dipartimentale “Integrazione Ospedale-Territorio” annunciano che per gli eventuali pazienti di San Nicolò D’Arcidano, che non riusciranno a effettuare la scelta del dottor Vacca verrà messo a disposizione un ambulatorio ASCoT nella stessa sede dell’ambulatorio del medico di base.

Il lutto

Tragedia sulla Alghero-Bosa, ecco chi erano Riccardo Delrio e Gianluca Valleriani

Le nostre iniziative