La Nuova Sardegna

Oristano

Avviati6 operai per otto mesi

Progetto Lavoras, Bosa assegna oltre 200mila euro

di Alessandro Farina

	Il municipio di Bosa
Il municipio di Bosa

Definiti bando, costi e aree di intervento

02 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Bosa Il progetto di fattibilità tecnico economica che prevede l’utilizzo di fondi del programma regionale Lavoras 2023 per oltre 200mila euro può proseguire il suo iter, in vista dell’attivazione di un cantiere che darà lavoro a 6 operai per 8 mesi. La decisione è arrivata nella riunione dell’esecutivo di fine marzo che ha preso in esame le risorse a disposizione ed il progetto da sviluppare in ambito locale.

Una delibera della giunta regionale di aprile 2023, infatti, attribuiva al Comune di Bosa un finanziamento di 205.126 euro, da destinare ai Cantieri di nuova attivazione relativi ai fondi Lavoras. Lo scorso settembre sempre la giunta aveva stabilito l’ambito di intervento per l’utilizzo di questi fondi, individuando le direttrici del nuovo cantiere. L’edilizia e in particolare la manutenzione ordinaria di edifici che rientrano nel patrimonio dell’ente locale, oppure in uso o in concessione per finalità che guardano a inclusione sociale, welfare, istruzione e formazione; interventi di valorizzazione di spazi pubblici che possono ospitare attività di carattere sociale o culturale; rifacimento di marciapiedi; manutenzione di reti viabili, arredo urbano, manutenzione straordinaria di immobili da destinare a soluzione abitative per famiglie in difficoltà o strutture per anziani; manutenzione anche straordinaria in edifici scolastici, il ventaglio. Il tutto con l’utilizzo di una cooperativa di tipo B.

Per quanto riguarda la parte economica, rispetto ai 205.126 euro a disposizione, poco più di 8000 euro vanno al comune per spese generali riconosciute all’ente locale, mentre la quota destinata alla cooperativa di tipo B che dovrà realizzare il progetto ammonta complessivamente a 196.920 euro circa. Su questi fondi 163.444 euro sono destinati a sostenere il costo del lavoro e gli oneri contributivi delle maestranze che saranno selezionate; 23.630 euro circa per l’acquisto di materiale; 33.476 euro circa per le spese generali riconosciute alla cooperativa ed il resto per Iva e coordinamento del progetto.

La delibera dà infine mandato all’Ufficio Personale del comune per avviare le ulteriori necessarie procedure attraverso l’Aspal.

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative