La Nuova Sardegna

Oristano

Chiesa cattolica

Don Roberto Caria nuovo vicario generale dell’Arcidiocesi arborense


	Monsignor Roberto Caria (a sinistra nella foto) assieme all'arcivescovo Roberto Carboni
Monsignor Roberto Caria (a sinistra nella foto) assieme all'arcivescovo Roberto Carboni

È stato scelto dall’arcivescovo di Oristano Roberto Carboni e succede a don Paolo Ghiani

13 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Oristano L’arcivescovo Roberto Carboni ha nominato il nuovo vicario generale dell’arcidiocesi arborense scegliendo per questo incarico il reverendo monsignor Roberto Caria, arciprete parroco di Santa Giusta. Il nuovo vicario generale inizierà il suo ministero il 1° maggio prossimo, memoria di San Giuseppe lavoratore. Monsignor Carboni ha voluto accompagnare la nomina con una lettera in cui spiega quali saranno gli impegni del suo nuovo vicario e ringrazia con affetto monsignor Paolo Ghiani che ricopriva questo incarico dal 2017.

Ecco la lettera che pubblichiamo integralmente: «Carissimi presbiteri, diaconi, consacrati e fedeli della nostra Chiesa Arborense in dialogo con monsignor Paolo Ghiani, che ha servito la nostra Chiesa, prima con monsignor Ignazio Sanna come Delegato ad omnia e poi come Vicario Generale e, negli ultimi cinque anni, come Vicario Generale del sottoscritto, grato per la sua collaborazione, mi è sembrato opportuno accogliere il suo desiderio di essere sollevato dall’incarico, per continuare la collaborazione nelle comunità vicine a Isili, dove si è ritirato al termine del suo servizio di parroco di Santa Giusta.

Pertanto, dopo aver pregato, essermi consigliato e aver dialogato con l’interessato, ho chiesto a monsignor Roberto Caria, attuale arciprete-parroco di Santa Giusta, di mettersi a disposizione per svolgere l’ufficio di Vicario Generale. Don Roberto è stato ordinato dal mio predecessore monsignor Pier Giuliano Tiddia nel 2000; inoltre è membro del Collegio dei Consultori e del Consiglio Presbiterale, docente di Teologia morale nella Facoltà Teologica della Sardegna e Direttore dell’Istituto diocesano di Formazione Teologico-Pastorale; Delegato diocesano per la Pastorale dei Problemi Sociali e del Lavoro e, dal 2022 Vicario Episcopale per la Pastorale, la Formazione dei sacerdoti e l’attenzione ai sacerdoti anziani e ammalati. A don Roberto chiedo di assumere la più ampia e gravosa responsabilità di Vicario Generale, con le facoltà e i compiti previsti dal Codice di Diritto Canonico.

In particolare, confido nella piena collaborazione e comunione con me e con gli altri Vicari episcopali, nella premurosa attenzione a tutti i nostri presbiteri e diaconi, promuovendo e sostenendo quella profonda “comunione di intenti”, fondamento di un reale rinnovamento e crescita della nostra Chiesa Arborense. Il suo ministero di Vicario Generale avrà inizio il prossimo primo maggio 2024 (memoria di San Giuseppe lavoratore). A don Roberto chiedo di continuare a seguire i diversi impegni avuti sino a questo momento, donec aliter provideatur. Mentre esprimo a don Roberto tutta la mia gratitudine, per aver accettato questo servizio, mi accingo a iniziare con lui un cammino di comunione e corresponsabilità, a vantaggio della nostra Chiesa e del Presbiterio e, su di lui, invoco la grazia e la benedizione del Signore. A tutti chiedo di accompagnare con la preghiera il nuovo Vicario Generale e di accogliere, con piena disponibilità e cordialità, questa nomina che ho ritenuto di dover operare in docilità al Signore e per il bene della nostra amata Chiesa. Intercedano per noi la Beata Vergine del Rimedio, i martiri Sant’ Archelao e Santa Giusta. A tutti rivolgo il più sincero e affettuoso augurio nella gioia e nella pace del Signore Risorto».

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative