La Nuova Sardegna

Oristano

Bilancio dell’attività

Bosa, pubblicata dal sindaco Casula la relazione di fine mandato

di Alessandro Farina

	Immagine sul Lungotemo
Immagine sul Lungotemo

Uno degli ultimi atti formali della sua amministrazione. Sempre più in calo i residenti

29 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Bosa Il sindaco Piero Franco Casula ha firmato la Relazione di fine mandato periodo 2019-2024, il documento che riassume la situazione dell’ente locale alla luce dei dati demografici, dell’impegno normativo e della situazione economica dell’ente locale negli ultimi 4 anni. Un atto dovuto in base alla normativa vigente utile a descrivere le principali attività dell’ente che opera in riva al Temo. La prima cifra che salta agli occhi è il numero dei residenti. Al 31 dicembre 2023 sono scesi a quota 7.400. Fino alla prima decade del 2000 gli iscritti all’anagrafe erano poco più di 8000. Quaranta, in totale, i dipendenti che devono assolvere alle diverse funzioni e incombenze nei tanti settori della vita amministrativa di Bosa, di cui 4 part time. Questo il “motore” della macchina amministrativa bosana, rispetto alle numerose, in alcuni casi peculiari, questioni e situazioni da affrontare quotidianamente. Fra tutte il peso delle attività sociali e socio assistenziali da assicurare. Con l’ente locale che può vantare la Certificazione di qualità come Comune amico della famiglia per le attività poste in essere e gli obiettivi centrati. Ma che deve fare i conti nell’ufficio preposto alla istruzione delle pratiche con la mancanza di dotazioni software per la gestione dell’elevato numero di istanze dei cittadini. Tra le varie note dolenti emerge anche la carenza di interventi per anziani, quali il trasporto verso strutture ospedaliere per visite o terapie, pasti a domicilio, incremento dell’assistenza domiciliare, anche l’assistenza fiscale o burocratica. 

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative