La Nuova Sardegna

Oristano

Viabilità e trasporti

Stazione Arst a Oristano, appello alla Regione: «Sbloccate i 600mila euro»

di Michela Cuccu

	La stazione dei pullman dell'Arst in via Cagliari
La stazione dei pullman dell'Arst in via Cagliari

L’assessore Ivano Cuccu: «Senza quei soldi non possiamo realizzare la rotonda di via Ghilarza e trasferire tutti i pullman al polo intermodale, liberando l’area di via Cagliari che deve diventare un parcheggio»

11 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Oristano «Se Il finanziamento per la rotonda non arriverà andrò alla Regione e chiederlo». L’assessore comunale alla Viabilità, Ivano Cuccu, è pronto a marciare su Cagliari per sapere quale sia stato il destino dei 600mila euro che la Regione aveva promesso di erogare per la realizzazione della rotonda tra le vie Ghilarza e Marroccu. L’opera è infatti indispensabile per compiere l’ultimo passo che completerà il polo intermodale: il trasferimento in via Ghilarza della stazione degli autobus delle linee extraurbane. La stazione di via Cagliari doveva essere trasferita entro luglio dell’anno scorso. Era stato questo l’impegno assunto dall’Arst con l’amministrazione comunale il 6 giugno di un anno fa, quando ci fu l’inaugurazione del polo intermodale.

All’epoca però l’iter per il trasferimento degli autobus non era stato ancora completato. Mancava infatti l’omologazione dei nuovi percorsi da parte della Motorizzazione civile che però, la rilasciò solo per le linee urbane, mentre per quelle extraurbane solo in quel momento si scoprì che era necessario costruire una nuova rotonda tra via Ghilarza e via Marroccu. Gli autobus infatti, di dimensioni superiori a quelli delle linee urbane, non possono raggiungere il polo intermodale.

Il Comune andò a bussare alla Regione e l’assessore Ivano Cuccu, a settembre, annunciò che l’assessore ai Trasporti – in quel periodo era Antonio Moro – aveva assicurato il finanziamento di 600mila euro per realizzare la nuova rotonda. Quei soldi però nessuno li ha visti. Il risultato è che la stazione dell’Arst è rimasta in via Cagliari, il polo intermodale funziona a ranghi ridotti e il grande parcheggio che il Comune contava di realizzare nell’area di via Cagliari, una volta trasferita la stazione dei pullman, è rimasto nel libro dei buoni propositi.

L’assessore Cuccu non dispera. Dice: «Probabilmente con il passaggio delle consegne dalla giunta regionale uscente alla nuova, l’iter ha subito un rallentamento fisiologico. Prima delle elezioni dagli uffici dell’assessorato ai Trasporti mi era stata data la garanzia che il finanziamento ci sarebbe arrivato in breve tempo. Se però, entro la fine del mese, dalla Regione non arriveranno i soldi, chiederò un incontro con il nuovo assessore». Ivano Cuccu puntualizza: «Spero che queste mie parole non vengano intese come un ultimatum. Il problema è che quella rotonda è indispensabile. Il polo intermodale deve funzionare a pieno regime. Inoltre, il Comune ha necessità dell’area di via Cagliari. Ricordiamoci che l’assenza di parcheggi nel centro storico è un problema molto sentito». Su questo aspetto aggiunge: «Ci stiamo dotando di un Piano per la mobilità sostenibile mirato a migliorare l’attuale situazione del traffico urbano. Il centro storico è il cuore della città: inevitabilmente, ci dovranno essere delle modifiche migliorative e concordate con i cittadini. Tra queste, appunto, la creazione di parcheggi in funzione delle zone a traffico limitato».

In Primo Piano
Sardegna

Sassari, Giuseppe Conte al mercato di piazzale Segni: "In Europa per opporci all'austerity e proteggere i lavoratori"

Emergenza

Baronia stritolata dalla siccità, vertice in Regione con Alessandra Todde

di Claudio Zoccheddu
Le nostre iniziative