La Nuova Sardegna

Oristano

Droga e resistenza

Inseguimento con arresto a Bauladu, 55enne aveva 47 grammi di cocaina e 41 grammi di marijuana

di Enrico Carta

	Una pattuglia dei carabinieri
Una pattuglia dei carabinieri

L’agricoltore Orazio Crobu ha tentato di scappare in auto nel momento in cui ha visto i carabinieri arrivare nella sua azienda. Ha patteggiato due anni al processo per direttissima ed è tornato in libertà

13 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Bauladu Tenta la fuga in macchina per non essere beccato con la droga, ma fa poca strada. L’inseguimento portato a termine dai carabinieri della Compagnia di Oristano è stato anche l’inizio dei guai giudiziari per Orazio Crobu, 55 anni originario di Zerfaliu e residente a Bauladu, paese le cui zone limitrofe sono state teatro del movimentato inseguimento che si è concluso con l’arresto che ha portato al processo per direttissima già questa mattina, lunedì 14 maggio. Dopo la convalida dell’arresto per i reati di detenzione di sostanze stupefacenti e di resistenza, deciso dalla giudice Serena Corrias, l’imputato ha scelto di patteggiare. La pena, frutto dell’accordo tra il pubblico ministero Sara Ghiani e l’avvocato difensore Rinaldo Saiu è di due anni e 1.400 euro di multa. Terminata l’udienza è stato rimesso in libertà senza misura detentiva.

È stato un finale decisamente meno movimentato rispetto a quanto accaduto sabato 12 maggio quando i carabinieri sono arrivati nell’azienda di Orazio Crobu per una perquisizione. Alla loro vista, l’agricoltore ha provato la fuga salendo in macchina e, mentre percorreva una strada complanare provando anche a far uscire di strada i militari, ha vestito anche i panni del novello e alternativo Pollicino, disfacendosi di una certa quantità di droga lungo il percorso. Non briciole di pane come il personaggio della famosa fiaba, ma dosi già pronte per essere spacciate, secondo quanto ricostruito dagli uomini dell’Arma. Una volta che il sospettato è stato fermato al termine del pericoloso inseguimento ad alta velocità, è stata effettuata una serie di perquisizioni nell’azienda agricola di sua proprietà, nell’auto e nei vestiti che aveva indosso. Alla fine il quantitativo di droga sequestrato è di 47 grammi di cocaina e di 41 grammi di marijuana. Con sé aveva anche parecchio contante, circa 2.700 euro, anch’esso finito sotto sequestro.

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative