La Nuova Sardegna

Oristano

L’incidente

Per il militare morto a Tramatza le condoglianze del ministro della Difesa, dei vertici dell’Esercito e della Brigata Sassari


	L&#39;intervento sulla 131 per rimuovere il mezzo militare che si &egrave; ribaltato <em>(foto Francesco Pinna)</em>
L'intervento sulla 131 per rimuovere il mezzo militare che si è ribaltato (foto Francesco Pinna)

Parole di sostegno anche per il collega rimasto gravemente ferito

03 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Per la morte di Stefano Pistis militare dell’Esercito in servizio alla base di Teulada nell’incidente sulla 131 all’altezza di Tramatza arrivano le condoglianze dei vertici militari. Così il ministro della Difesa Guido Crosetto: «A nome di tutta la famiglia della Difesa e mio personale esprimo con immenso dolore, il più profondo cordoglio ai familiari del graduato aiutante Stefano Pistis tragicamente scomparso in un incidente stradale». Nell'incidente è rimasto ferito anche il graduato aiutante Roberto Calaresu che è stato trasportato in ospedale: «Esprimo all’ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, Capo di Stato Maggiore della Difesa, e al generale Carmine Masiello, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano, le mie più sentite condoglianze. Tutta la Difesa si stringe idealmente ai familiari e agli affetti più cari di Stefano e augura una pronta guarigione al Graduato Calaresu.  Forza Roberto siamo tutti con te».

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Carmine Masiello: «È con immenso dolore che rivolgo, a nome di tutta la famiglia dell’Esercito e mio personale, i sentimenti del più profondo cordoglio ai familiari di Stefano Pistis. L’Esercito ha immediatamente attivato ogni forma di supporto e sostegno ai familiari del militare deceduto, nella consapevolezza del terribile momento che stanno attraversando. Al militare ferito – ha detto ancora il generale Masiello - auguriamo una pronta guarigione con la speranza di poterlo riavere al più presto tra noi».

Il comandante della Brigata Sassari, generale Stefano Messina, e il comandante del 3° reggimento bersaglieri, colonnello Alessandro Latino hanno espresso sentimenti di «commossa vicinanza e cordoglio ai familiari, a nome di tutti i soldati della Brigata Sassari».,

Il militare era molto conosciuto e stimato dai propri colleghi per la sua grande professionalità maturata in patria e nelle missioni di pace all'estero. «Il graduato Stefano Pistis ha dedicato la propria vita al servizio, inizialmente come paracadutista della Brigata "Folgore" e poi nei ranghi del 3° reggimento bersaglieri. Generoso, gioviale, altruista, collaboratore instancabile, preciso e affidabile»: così lo ricordano i militari della grande famiglia "sassarina" fra i quali «lascia un vuoto incolmabile». 

In Primo Piano
L'appello

Gara di solidarietà a Macomer Tutti in fila per aiutare Antonio

di Simonetta Selloni
Le nostre iniziative