La Nuova Sardegna

La giunta si riprende l’energia di 3 dighe

La giunta si riprende l’energia di 3 dighe

Pigliaru e Maninchedda: gli invasi passeranno dall’Enel al controllo diretto. Elettricità per 50 milioni di euro: ma è battaglia

28 maggio 2014
3 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Di nuovo “padroni in casa nostra” dopo 66 anni. Potrebbe essere questa la sintesi, davvero estrema, della delibera con cui ieri la Giunta ha deciso di «subentrare – testuale – nella proprietà e nella gestione delle dighe che producono energia idroelettrica». Dighe finora date in concessione all’Enel, che ogni anno grazie a una produzione dia di 800 Gigawattora incassa 54 milioni. Senza mettere alla porta nessuno, la Regione ha deciso che fra poche settimane sugli invasi dell’Alto Flumendosa, del Taloro e del Coghinas e su quelli in costruzione a ad Orgosolo (Cumbidanovu) e a Sarroch (Monte Nieddu) sventolerà la bandiera di Quattro Mori e non più il vessillo dell’ente nazionale per l’energia. È certo una scelta forte, si potrebbe dire nazionalista come fanno gli Stati Sudamericani con i pozzi di petrolio, e invece è meno ideologica di quanto si pensi. A far scattare il diritto di proprietà, anche questa è un’esemplificazione, è l’applicazione dopo tanti anni di una legge regionale del 2006 che, «nel tutelare l’acqua come bene primario e pubblico», dispone il «trasferimento delle infrastrutture multisettoriali inserite nel sistema idrico». Multisettoriali significa l’utilizzo dell’acqua per le case, l’agricoltura e l’idroelettrico, come succede con quella «ingabbiata» appunto nelle dighe.

Questo vuol dire che la Regione trasferirà con un decreto la gestione degli invasi a un suo ente, è l’Enas che produce la cosiddetta acqua grezza, cioè quella non potabilizzata, e diventerà così «titolare della concessione». Di fatto è uno sfratto all’Enel, che per le tre dighe ha pagato fino adesso alla Regione solo i diritti di concessione, raddoppiati poche settimane fa da 2,5 a 5 milioni, ha tenuto sempre per sè il favoloso incasso della vendita dell’energia idroelettrica. Per l’esattezza, la Giunta non vuole andare alla guerra con l’Enel: è disposta a trattare sulla gestione, per arrivare semmai a costituire una società mista, come accade in altre regioni.

Il perché. Sono stati il presidente Francesco Pigliaru e l’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Maninchedda, a presentare questa storica delibera. Pigliaru ha detto: «Ribadiamo, con questa decisione, che l’acqua è un bene pubblico e poi subito dopo vogliamo portare in pareggio il bilancio dell’Enas, che oggi è in rosso». Paolo Maninchedda si è spinto oltre: «Dal 1948 a oggi nessuno aveva rivendicato la titolarità delle dighe in funzione e in costruzione, noi l’abbiamo fatto, come in passato è stato fatto per le infrastrutture che erano di proprietà dei Consorzi industriali e di bonifica. Ci auguriamo che da questo momento in poi non sia apra con l’Enel una partita difficile, ma non avevamo alternative: abbiamo applicato una legge regionale e il principio della proprietà pubblica già ribadito in diverse aule giudiziarie». A breve sarà il presidente della Regione a firmare i decreti di proprietà e quel punto comincerà la trattativa con Enel.

La replica. Quella dell’ente nazionale è stata immediata: «La gestione delle dighe – si legge in una nota – non può prescindere dalla scadenza delle concessioni nel 2029 e questo nostro diritto lo tuteleremo in ogni sede opportuna anche a livello Comunitario. Auspichiamo comunque l’apertura di un proficuo dialogo».

Controreplica. È stata di Maninchedda: «Fa piacere sentire Enel dichiararsi disponibile a un incontro. Fa invece sorridere il richiamo alla scadenza lunare del 2029, perché la stessa scadenza è stata già annullata da una legge regionale impugnata dall’Enel, che però ha perso la causa davanti al Tribunale delle Acque». (ua)

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative