La Nuova Sardegna

interrogazione 5 stelle

Stop alle ricerche di gas in mare

Stop alle ricerche di gas in mare

Corda: fermiamo gli interventi nelle acque tra Sardegna e Corsica

30 luglio 2014
1 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Il Movimento 5 Stelle a difesa del Santuario dei mammiferi marini. La deputata Emanuela Corda esprime forti perplessità sul documento presentato dalla Schlumberger italiana spa per ottenere il permesso di prospezione delle acque, per il rilevamento di idrocarburi nel sottosuolo, nelle aree comprese nel Santuario Pelagos. Si tratta di un’area specialmente protetta di interesse mediterraneo tra Sardegna, Corsica, Liguria e Toscana nota con il nome di Santuario per i mammiferi marini. La Corda si dice preoccupata per la fauna acquatica, qualora venisse concesso alla società il permesso di effettuare operazioni d'indagine del sottosuolo tramite l'utilizzo della tecnica airgun, ovvero una procedura che consiste nello sparare aria compressa lungo un tracciato di 7.300 chilometri complessivi, potenzialmente dannosa per gli animali che popolano i fondali marini. «Rivolgo agli organi competenti – sottolinea Corda – l'invito ad attuare uno studio approfondito del progetto, in termini di procedura di valutazione d'impatto ambientale, affinché tali operazioni non siano causa di distruzione di un habitat naturale dal patrimonio inestimabile». All’appello della deputata, firmato dalla senatrice Manuela Serra, è arrivata immediata la risposta del ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, che sottolinea come abbia rilevato numerose osservazioni da parte di associazioni e cittadini relativamente alla valutazione d’impatto ambientale. Segnalazioni che verranno esaminate e valutate in sede di istruttoria tecnica.

Elezioni regionali 2024
I sardi alle urne

La Sardegna va a votare: seggi aperti dalle 6,30 alle 22

Le nostre iniziative