La Nuova Sardegna

cargeghe

Con il “Sardinia Reggae” un weekend caraibico

CARGEGHE. Da oggi al 3 agosto il Sardinia Reggae Festival apre ancora una volta le porte di Cargeghe agli amanti del genere musicale dalle radici caraibiche. Saliranno sul palco nomi davvero...

31 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CARGEGHE. Da oggi al 3 agosto il Sardinia Reggae Festival apre ancora una volta le porte di Cargeghe agli amanti del genere musicale dalle radici caraibiche. Saliranno sul palco nomi davvero importanti del reggae internazionale. Ad esempio il cantante giamaicano Prince Alla, classe 1950, che si esibirà domani all'una di notte. Rappresenta in maniera esemplare l'esperienza degli anni Settanta. Con lui altri due big della scena caraibica, ovvero, Sylford Walker – sempre domani alla una insieme con Prince Alla – e Trinity domani a partire dalle 24. Tre artisti legati da un filo conduttore composto di esperienza e dedizione alla musica al di là dei circuiti legati alle mayor. Con loro a rappresentare “il nuovo” la band giamaicana, Dubtonic Kru (sul palco il 2 agosto a partire dalle 23).

Ai big, si aggiungono artisti di altrettanta fama come General Levy (il 2 agosto alle 2,30 di notte), Brother culture (oggi alle 21), Zion Train (oggi alle 21), Trevor Sax (domani alle 2,30 di notte) e Reggae Rajahs (il 2 agosto alle 2,30 di notte) dall'India. Si esibiranno anche gli italiani Mellow Mood (il 2 agosto alle 24) e una schiera di grandi realtà locali oramai famose in tutta Europa come i Train to Roots (il 3 agosto alla una di notte) e gli Arawak (domani alle 23), più tantissimi altri gruppi e cantanti di grande talento come Dr.Boost, Arrokibi, Mama Vibe, Mysty Morning, Agonera e la new entry Riptiders da Tempio. Come ogni anno verranno ospitati i vincitori del “Rototom european contest”, selezione di gruppi emergenti di portata mondiale, che quest'anno vede come vincitori i francesi Wailing Trees (domani alle 21).

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative