La Nuova Sardegna

Estate all’Aquavillage Il mare anche in città

di Dario Budroni

Ogni giorno musica dal vivo, beach bar, sport e scuola diving

30 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. L’oasi del buonumore si trova davanti al mare. Circondata da imponenti alberi e accarezzata dalla piacevole brezza della sera. Ha tutta l’aria di essere un posto esclusivo, ma in realtà è un locale frequentatissimo da tutti. Dai giovani pronti a scatenarsi davanti al palco alle famiglie di turisti con tanto di bambini piccoli appresso.

Si chiama Aquavillage e per la seconda stagione consecutiva sta facendo il botto sull’elegante lungomare olbiese. Il motivo è tutto scritto nella sua formula. Si tratta infatti di un bar all’aperto che si estende su un giardino di seimila metri quadri, abbracciato da un campetto da beach volley, dalla base di un centro diving con piscina, da una casupola dove si noleggiano biciclette e da una pizzeria che rimane aperta fino a tardi. Ma il suo piatto forte è sicuramente la programmazione degli eventi, come concerti di band locali, esibizioni di cantanti e dj olbiesi, spettacoli di cabaret e divertenti lezioni di zumba e ballo latino americano. Insomma, un grosso contenitore dal gusto rigorosamente estivo che porta la firma del titolare Luigi Folino e di sua moglie Valeria, mentre lo scorso anno della squadra facevano parte altri due soci. «Ho pensato a un’idea carina che potesse rappresentare qualcosa di nuovo – spiega Luigi Folino -. Spesso rimaniamo aperti anche 20 ore al giorno. Cominciamo con le colazioni e terminiamo con i cocktail. E poi ci sono gli eventi, da quando è iniziata la stagione ne abbiamo organizzato una novantina». Una divertente ed efficace offerta programmata dal direttore artistico Tommy Rossi, per una vita speaker radiofonico nelle emittenti di mezza Sardegna. «I prezzi del bar sono davvero contenuti. In più ogni giorno si può assistere a uno spettacolo, a un concerto o ad altri tipi di iniziative – spiega il direttore artistico -. Ci piace coinvolgere soprattutto artisti olbiesi. Poi qui vengono organizzati pure tornei di beach volley, presentazioni e lezioni dedicate al ballo e al fitness». I due più grossi eventi di questa estate sono stati sicuramente il concerto dei rapper Machete Warriors, davanti a un migliaio di giovani, e lo spettacolo di Pino e gli Anticorpi. A ferragosto sono stati invece montati tre palchi per dare spazio a una folta pattuglia di band olbiesi. «La nostra clientela è trasversale, qui vengono famiglie, persone grandi e piccole – spiega il titolare Luigi Folino -. Ma sta aumentando il numero dei giovani. E questo grazie al tipo degli eventi e anche allo staff, composto da ragazzi e ragazze. Lo dico anche da padre, penso sia importante far divertire i giovani in città, senza che si allontanino verso altri centri».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
Trasporti

Aeroitalia saluta Alghero: «Costi troppo alti impossibile proseguire»

di Claudio Zoccheddu
Sardegna

Sassari, oltre duemila persone in piazza d'Italia per l'Otello

Le nostre iniziative