La Nuova Sardegna

“Barbablu”, risate e piccoli brividi al Ferroviario

di Paolo Curreli
“Barbablu”, risate e piccoli brividi al Ferroviario

Sassari, applausi e pienone per la favola di Perrault riletta dalla compagnia “La botte e il cilindro”

26 gennaio 2016
2 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. Piccoli brividi e risate nel fine settimana del Ferroviario con “Barbablu”. Il testo tratto dalla celeberrima fiaba di Charles Perrault riscritto e diretto da Pier Paolo Conconi. Un atto unico che vola via in un’ora, adatto al piccolo pubblico che ha riempito il teatro sabato e domenica. Una precisa macchina scenica ricca di trovate interpretative e scenografiche, colori e ritmi comici da commedia dell’arte. La trama noir che ha reso celebre la fiaba ha tenuto col fiato sospeso i bambini, mentre tutti hanno potuto apprezzare la prova degli attori, la creatività dei costumi, delle luci e delle scene, per una storia che, molto facilmente, poteva scivolare sul banale. Pericolo sempre in agguato per le riscritture delle favole. Dopo averle viste e riviste, lette e rilette tra cinema e cartoni animati, il rischio di riproporre la minestra riscaldata è sempre dietro l’angolo. Così non è stato; merito della regia che ha curato il ritmo, sfruttando la suspanse del divieto: «non aprire mai quella porta», della scenografia capace di visualizzare gli spazi del castello misterioso, della trovata delle chiavi che arrivano dall’alto, oggetto-fulcro della storia. Della colonna sonora veloce ed incalzante del quale motore pulsante è la musica di Rossini.

E merito degli attori: Stefano Chessa nel ruolo di Barbablù, vocione impostato e tonante da cattivo di cartone, Luisella Conti che è Oracolo il servo muto, un “Arlecchino”che da grande prova di grammelot, linguaggio espressivo di omeopatie esilaranti, Nadia Imperio che è Dappertutto bella invenzione del servo tedesco, vero metronomo e spalla della scena, e Consuelo Pittalis nella parte della settima moglie di Barbablù: Doralice. Bambola curiosa e tenera per la cui sorte i bambini fremono e parteggiano. Attesa e silenzio un po’ spaventato che si scioglie nelle risate e negli applausi finali.

La ventisettesima edizione della rassegna “Famiglie a teatro” organizzata dalla Botte e cilindro conferma il riconoscimento del ministero dei Beni culturali, un patrimonio della città che si rivolge ai più piccoli. E questi bambini che partecipano e fremono per le sorti dei personaggi reali sul palco sono un patrimonio anche loro, perché non dimenticheranno mai la bellezza dell’arte dal vivo nel mondo del gioco virtuale.

In Primo Piano
La grande sete

Acqua razionata nell’invaso di Posada, il sindaco di Budoni: «Resteranno a secco molte seconde case e 25 aziende»

Le nostre iniziative