Satta è consigliere regionale, giuramento nel gelo dell'aula in appena 17 secondi

Il giuramento di Giovanni Satta nell'aula del consiglio regionale (foto Mario Rosas)

L'ex sindaco di Buddusò scarcerato pochi giorni fa dopo essere stato arrestato nell'ambito di un'inchiesta per traffico internazionale di stupefacenti dalle 10,30 di oggi ha preso posto nell'aula dell'assemblea regionale sarda

CAGLIARI. Ha giurato nel gelo di un'aula vuota e imbarazzata il nuovo consigliere regionale Giovanni Satta. Dopo il rinvio di ieri, questa mattina, 4 maggio, poco dopo le 10,30 l'ex sindaco di Buddusò, uscito dal carcere di Bancali appena una settimana fa, è diventato consigliere regionale. Una cerimonia flash, in tutto 17 secondi.

Regione, Giovanni Satta giura in un'aula vuota e imbarazzata

Il presidente Gianfranco Ganau ha letto la formula di rito nel silenzio dell'aula. Poi il giuramento. Satta è stato poi accompagnato al suo posto da un commesso e nel tragitto ha stretto la mano a Giorgio Oppi e a Mario Floris, al cui fianco si è seduto. Quella che deve essere stata la più frettolosa cerimonia di giuramento della storia dell'autonomia regionale della Sardegna si è conclusa senza il minimo accenno di applauso.

La cerimonia è slitttata a questa mattina dopo che ieri per tutta la giornata i gruppi dei partiti si sono riuniti per trovare una soluzione. Satta si è detto sereno. "Non sono un orco e lo dimostrerò" ha ribadito.

Da oggi l'ex sindaco di Buddusò eletto nell'Uds e finito in carcere perché coinvolto in un traffico internazionale di stupefacenti, è diventato consigliere regionale. 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes