La Nuova Sardegna

al berliner wein trophy 

Medaglia d’oro al cannonau della Poderi Parpinello

Medaglia d’oro al cannonau della Poderi Parpinello

ALGHERO. Ancora un premio prestigioso per i vini della Poderi Parpinello, di Alghero. Al prestigioso Berliner Wein Trophy, il principale concorso enologico in Germania, tra i più importanti al mondo,...

24 febbraio 2018
2 MINUTI DI LETTURA





ALGHERO. Ancora un premio prestigioso per i vini della Poderi Parpinello, di Alghero. Al prestigioso Berliner Wein Trophy, il principale concorso enologico in Germania, tra i più importanti al mondo, il suo Cannonau doc San Costantino 2016 è stato insignito dai giudici della rassegna berlinese con la Medaglia d’oro.

«È un importante riconoscimento internazionale di cui siamo particolarmente orgogliosi perché premia il lavoro e la passione che da sempre caratterizza la nostra famiglia», ha detto soddisfatto l’enologo Giampaolo Parpinello, fondatore della azienda vitivinicola.

Quello di Berlino è solo l’ultimo premio conquistato dai vini della cantina Parpinello. Molto apprezzati il Monica di Sardegna, i due vermentini Sessantaquattro e Ala blanca, il cagnulari Isola dei nuraghi e l’ultimo arrivato, il torbato Centogemme brut.

Ma la medaglia conquistata qualche giorno fa a Berlino per il San Costantino ha un sapore speciale: le etichette premiate al concorso enologico tedesco, infatti, diventano in breve tempo le più ricercate dai consumatori.

Il Berliner Wein Trophy è diventata nel corso degli anni la più importante degustazione di vini della Germania. I 198 giudici della competizione per quattro giorni hanno degustato 6.700 campioni tra vini, spumanti e liquori provenienti da tutto il mondo. Dopo una prima valutazione, tra le migliori etichette di questa edizione è stata effettuata una seconda degustazione e stilato un ulteriore giudizio, una sorta di finalissima tra il top dei vini in gara. Per i giudici il migliore rosso al mondo è risultato il cannonau San Costantino di casa Parpinello.

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative