Il dopo Covid, la Regione batte cassa:  mezzo miliardo non basta

L'assessore regionale al bilancio Giuseppe Fasolino

L'assessore al bilancio Fasolino: "Sollecitata la Cassa depositi e prestiti ad anticipare una somma importante su quanto ci è dovuto per gli accantonamenti"

CAGLIARI. Il ciclone coronavirus è stato devastante. Mezzo miliardo non basterà per far risollevare la testa alle imprese. «Abbiamo bisogno di altri soldi», ha detto l’assessore al bilancio, Giuseppe Fasolino, nel suo primo faccia a faccia col Consiglio sulla legge Salva Sardegna. Nella bozza c’è scritto: «Per autofinanziarsi la Regione potrà emettere anche titoli». È una delle possibilità, ma prima vuole battere altre strade. Sono due: una ha come punto d’arrivo la Cassa depositi e prestiti, l’altra il ministero dell’economia. È una doppia partita miliardaria. 

Per cominciare «abbiamo sollecitato alla Cassa depositi e prestiti un anticipo importante del contributo straordinario previsto dall’accordo con il Governo sugli accantonamenti», ha detto l’assessore. È circolata subito un’indiscrezione sull’ammontare della richiesta: 700 milioni sugli oltre due miliardi annunciati a novembre dal ministro per gli affari regionali, Francesco Boccia, e dal governatore Christian Solinas. «È stata proprio questa emergenza economica ad averci convinto che quel finanziamento extra ci serve ora, non dilazionato in tredici anni», ha aggiunto Fasolino. (ua)

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes