La Nuova Sardegna

Sostegno alle famiglie «Erogati solo 40 milioni»

Sostegno alle famiglie «Erogati solo 40 milioni»

L’accusa dei Progressisti alla giunta regionale dopo lo stanziamento anti Covid Il Pd: «Stanziamenti insufficienti sul bando “Fitto Casa” per gli universitari»

28 giugno 2020
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. «Dei 500 milioni di fondi stanziati dalla Regione Sardegna per l’emergenza Covid-19 ne sono stati erogati appena una quarantina, relativi alla prima mensilità del contributo alle famiglie»: l’accusa arriva dal gruppo dei Progressisti in consiglio regionale.

Secondo i consiglieri di opposizione c’è anche «un ritardo inaudito della Regione nel pagamento dei finanziamenti relativi ai bandi dello scorso anno». Si tratta di graduatorie valide «con centinaia di beneficiari che attendono di ricevere le risorse regionali per attività già svolte durante la scorsa annualità».

Alcune graduatorie riguardano l’assessorato al Turismo: «Dal bando per il finanziamento dei centri commerciali naturali, alle liquidazioni della Legge 7/55 relative al bando 2019». Secondo i consiglieri Progressisti «tutto sembra muoversi a rilento, come se l’emergenza economica non esistesse e come se i soggetti in attesa, i loro dipendenti e i loro fornitori, non meritassero attenzione e rispetto».

L’opposizione ricorda che il consiglio regionale, nel dicembre dello scorso anno, ha approvato un emendamento alla legge 7, ammettendo il finanziamento per tutti i soggetti ammissibili: «Mai come ora è importante sbloccare le risorse regionali e dare certezze per il futuro, anche in relazione ai bandi 2020 sui quali ad oggi non esiste alcun tipo di certezza fornita dalla Regione».

L’opposizione attacca anche su un altro fronte: quello del diritto allo studio universitario: il consigliere regionale del Partito democratico, Roberto Deriu, denuncia che nelle graduatorie definitive del bando “Fitto Casa” dell’Ersu Cagliari per l’anno accademico 2019-2020, figurano oltre cento studenti - su quasi novecento richiedenti - che sono risultati idonei, ma non beneficiari del contributo.

«Ci sono tanti studenti che hanno richiesto il contributo e sono idonei ad ottenerlo, quindi rispondono di tutti i requisiti di reddito e di merito, ma non lo hanno ricevuto perché la Regione non ha stanziato abbastanza risorse - precisa Deriu -. È una situazione gravissima, così facendo la Giunta nega l'aiuto a universitari che ne hanno bisogno, molti di loro preoccupati di non poter proseguire con il proprio percorso universitario».

Secondo Deriu «il diritto allo studio universitario dovrebbe garantire, anche a chi non può permettersi di sostenere tutte le spese legate all’università e per mezzo di contributi come le borse di studio, l’istruzione accademica. La Regione deve immediatamente stanziare le risorse necessarie».

In Primo Piano
Sanità

Reparti chiusi in tutta l’isola, ospedali vicini al collasso

di Giuseppe Centore
Le nostre iniziative