Viticoltori in crisi; l'assessore Fasolino pronto ad ascoltarli

Il settore ha subìto gravi perdite a causa del Covid chiede fondi per sostenere la ripresa

CAGLIARI. Un tavolo per trasformare in misure concrete i fondi anti-Covid destinati alla viticoltura sarda per sostenere le gravi perdite del settore. E' il primo risultato ottenuto in Regione dai Consorzi vini della Sardegna, che per la prima volta ha riunito sotto un'unica voce i nove Consorzi del vino sardo: Malvasia di Bosa, Vini di Sardegna, vini di Cagliari, Vermentino di Sardegna, Vermentino di Gallura, Alghero, Cannonau di Sardegna, Carignano del Sulcis, Terre di Romangia.

L'impegno è stato strappato all'assessore regionale del Bilancio, Giuseppe Fasolino, che ha convocato il tavolo per venerdì 3 luglio. La viticoltura è uno dei settori che più di tutti ha sofferto e sta soffrendo per l'emergenza sanitaria. Come emerso dal report di Coldiretti Sardegna, le vendite del vino nell'Isola sono crollate del 70%, con punte del 100%, rispetto all'anno precedente, e con la previsione di ulteriori perdite del 65% nei prossimi mesi. Una batosta dovuta principalmente alla chiusura dei principali mercati di riferimento del vino sardo: bar, ristoranti e hotel (47%), enoteche e wine bar (20%).

L'obiettivo dell'incontro è stato quello di discutere dei provvedimenti che la Regione intende mettere in campo per il settore. La richiesta dei Consorzi, sintetizzata dal portavoce Alessandro Dettori, punta ad ottenere interventi immediati per alleviare le perdite causate dalla riduzione delle vendite e dagli alti costi sostenuti in questi mesi dalle cantine. Parallelamente vengono sollecitare misure a sostegno dei territori e del mercato attraverso azioni di promozione e valorizazione del vino sardo.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes