La Salva Sardegna è legge: 186 milioni di euro per lavoratori e aziende

Approvazione in consiglio regionale con 29 favorevoli e 20 astenuti

CAGLIARI. La salva-imprese è legge. Con 29 voti a favore e 20 astenuti il Consiglio regionale della Sardegna ha approvato il ddl della Giunta che stanzia oltre 186 milioni di euro a beneficio di lavoratori e aziende per far fronte all'emergenza economica legata al Covid-19. Tra gli interventi più significativi c'è l'istituzione del fondo Resisto, 67 milioni per la concessione alle imprese di un contributo straordinario sul costo del lavoro dei dipendenti, sino a un massimo del 30% della retribuzione annua lorda.

Diciotto milioni serviranno a dare copertura a lavoratori che hanno interrotto o perso l'occupazione durante l'emergenza sanitaria, e comunque non considerati da provvedimenti del governo o della Regione: a loro sono riconosciuti bonus mensili che variano da 600 euro per dipendenti stagionali non riassunti a mille euro per i dipendenti del turismo, 500 per gli intermittenti e occasionali e lavoratori domestici. Sempre in tema di lavoro, sette milioni sono stanziati per interventi a favore di lavoratori destinatari di licenziamenti collettivi usciti dagli ammortizzatori sociali.

In generale, al netto delle risorse aggiuntive autorizzate attraverso gli emendamenti della Giunta, per il lavoro sono a disposizione circa 30,5 milioni, 95 per le imprese, 15 per sport e turismo, oltre 36 per il comparto agricolo, 6 mln per la continuità territoriale aerea e 3 mln per la scuola. La maggioranza ha rischiato di andare sotto nella discussione di tre emendamenti relativi alla destinazione di risorse alla destagionalizzazione, ma sottratte all'artigianato e alla promozione turistica. (Ansa).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes