Innovazione e rispetto per l’ambiente Terna scrive il futuro dell’energia

SASSARI. L’energia è il tema dell’ultimo incontro online in calendario organizzato nel quadro di sviluppo delle attività legate al progetto La Nuova@Scuola. Terna è il partner che con disponibilità...

SASSARI. L’energia è il tema dell’ultimo incontro online in calendario organizzato nel quadro di sviluppo delle attività legate al progetto La Nuova@Scuola. Terna è il partner che con disponibilità si mette a confronto con gli studenti. In rappresentanza dell’azienda si “accomodano” nella room su Zoom l’ingegner Riccardo De Zan, responsabile Progettazione e realizzazione Impianti Hvdc e marini, l'ingegnera Maria Rosaria Guarniere, responsabile Realizzazione impianti e tecnologie, e l'ingegnera Francesca Massara, responsabile Presidio ambientale marino e supporto autorizzazioni. Maria Rosaria Guarniere dà i ragazzi le coordinate utili ad inquadrare l’essenza del partner: «Questa è un’opportunità per farci conoscere e far conoscere le cose che facciamo. Chi è Terna? È la società che gestisce la rete di trasmissione italiana in alta tensione. Una delle più moderne e tecnologiche in Europa. Perseguiamo lo sviluppo e l’integrazione della rete europea, garantendo l’accesso alla rete di tutti gli utenti. Contiamo circa 4700 dipendenti in tutto il territorio, 75mila chilometri di linee elettriche aeree o in cavo, circa 900 stazioni, 4 centri di controllo, energia complessiva annua di 320 miliardi di KW ore». Il presente di Terna guarda ad un futuro caratterizzato dalla transizione energetica. Sostenibilità, innovazione e trasformazione sono parole chiave, gli investimenti sono la chiave di (s)volta in prospettiva con sguardo sempre attento alle figure femminili e alle professionalità inserite e da inserire in organico. L’incontro scorre, slide e video - insieme a mr Terna - accompagnano il racconto. Le curiosità di Stefano, Carla, Claudia, Maria, Sara, Andrea, Giada, Federico e Giovanni sono soddisfatte. Dettagli e informazioni trovano spazio in forma integrale sul video caricato sulla piattaforma internet dedicata. Riccardo De Zan, focalizza l’attenzione sui collegamenti realizzati in cavi sottomarini, argomento che cattura e affascina i giovani interlocutori: «Terna ha una lunga esperienza a riguardo. Due progetti coinvolgono direttamente la regione Sardegna, isola che riveste un ruolo centrale legato alla transizione energetica e al fase out del carbone». Vantaggi, sviluppo, knowhow e opportunità di crescita sono elementi passati in rassegna, unitamente alle peculiarità principali dei collegamenti tramite cavi sottomarini (il progetto Sa.Pe.I fa registrare un record mondiale in riferimento alla profondità di posa con oltre 1600 metri, aspettando il Tyrrhenian link). Francesca Massara torna sugli aspetti della progettazione in tutte le sue fasi e sul concetto di sostenibilità: «Fondamentale lo studio del territorio e dell’ambiente, fase preliminare che apre poi a tutte le successive che, a livello operativo, portano sino alla realizzazione dell’opera con tutte le attenzioni e cautele del caso in risposta agli elevatissimi standard di sicurezza richiesti». Il tutto realizzato in maniera assolutamente sostenibile, e nel rispetto delle praterie di posidonia e dell’habitat sottomarino. (g.d.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes