La Nuova Sardegna

Ryanair contro la tassa sul turismo: blocca lo sviluppo degli aeroporti

Umberto Aime
Ryanair contro la tassa sul turismo: blocca lo sviluppo degli aeroporti

La low cost festeggia i 15 anni di presenza a Cagliari con numeri record

25 giugno 2022
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari È la prima compagnia aerea in Europa, vola con successo da una parte all’altra dell’Italia, quest’estate saranno 58 le rotte da e per la Sardegna, ma nonostante sia un colosso Ryanair ce l’ha eccome con il Governo nazionale e non da oggi. Il suo confronto-scontro ruota tutto intorno alla tassa sul turismo. Sono 6 euro e 50 centesimi, imposti ai passeggeri che s’imbarcano negli aeroporti italiani, mentre da altre parti, Portogallo o Grecia, neanche si sognano di caricarli sui biglietti. «In un anno quel balzello vale almeno 600 milioni – ha sottolineato Mauro Bolla, country manager del gruppo irlandese – Dovrebbe essere distribuito fra i Comuni, che alla fine ricevono invece solo gli spiccioli».

L’ultima denuncia Partito da Ciampino e sbarcato per festeggiare, insieme alla società di gestione dell’aeroporto, la Sogaer, i 15 anni di Ryanair a Cagliari (2007-2022), il manager ha rilanciato l’anatema aziendale. «Per accelerare la ripresa del turismo – ha detto – ancora una volta sollecitiamo che quella tassa sia eliminata, almeno fino al 2025, per evitare che continui a danneggiare la competitività degli aeroporti italiani rispetto ai concorrenti europei». Perché sei euro sono davvero troppi soldi per chi vende a prezzi stracciati, anche se poi ricarica, eccome se lo fa, i picchi sulle prenotazioni dell’ultim’ora. In attesa che il Governo ci ragioni sopra, sono state le candeline cagliaritane a tener banco.

Il primo volo Era il 2007 quando Ryanair battezzò l’esordio sulla pista di Cagliari, direzione Pisa. Allora i passeggeri del volo inaugurale furono poco meno di 130, dopo tre lustri di andirivieni: «Siamo qui ad annunciare d’aver superato quota 20 milioni», ha detto Bolla. L’accordo ha funzionato «sempre alla grande» e «abbiamo vinto una sfida», hanno aggiunto Renato Branca e David Crognaletti, amministratore delegato e direttore commerciale della Sogaer. Col secondo che non ha nascosto neanche i contratti passati e recenti con gli irlandesi: «È tutto sul nostro sito. A nessuno pratichiamo sconti, o incorreremo nei vietati aiuti di Stato. Invece da tutte le compagnie incassiamo il prezzo pieno e poi solo ai partner rimborsiamo una quota se raggiungono gli obiettivi dell’accordo». Così, anno dopo anno, Cagliari è diventata una piazza importante per Ryanair: garantisce 350 voli settimanali, undici le Nazioni collegate, e 90 stipendi. «Ora vogliamo di più», ha ribadito Bolla. Per poi negare che la compagnia sprema i dipendenti: «Agli ultimi scioperi non ha partecipato nessun equipaggio Ryanair e questo vuol dire che a casa va tutto bene». Chissà se è vero.

Non solo Ct1 Un aeroporto non può vivere di continuità territoriale e basta. «È giustissimo che ci sia per i passeggeri sardi – ha detto Branca – ma poi sono gli altri collegamenti a fare i grandi numeri». Dopo aver ascoltato gli ultimi auspici di Sogaer, «quest’anno puntiamo ai due milioni di passeggeri», l’assessore al turismo Gianni Chessa ha detto: «I dati di giugno sono incoraggianti, stiamo consolidando quelli del 2021, ma soprattutto siamo oltre il 2019. Mi aspetto un’estate favolosa».

In Primo Piano
La tragedia

Assemini, Simone Furia Calledda muore investito dal collega – VIDEO

Sardegna

Il prefetto Giancarlo Dionisi va a Livorno: "Il mio cuore resta a Nuoro e in Sardegna"

Le nostre iniziative