La Nuova Sardegna

Ambiente

Rifiuti, la Sardegna è la seconda regione in Italia nella raccolta differenziata

Rifiuti, la Sardegna è la seconda regione in Italia nella raccolta differenziata

Lo ha detto l'assessore regionale della Difesa dell'ambiente, Marco Porcu, durante la presentazione dei risultati del 2021

09 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari ''La Sardegna ha consolidato i risultati ottenuti finora nella gestione dei rifiuti urbani e si conferma, come negli anni passati, al secondo posto tra le Regioni italiane, dopo il Veneto, per la raccolta differenziata con il 74.9%. Un risultato frutto del continuo impegno dei cittadini e delle Amministrazioni comunali, che hanno contribuito a migliorare il servizio di raccolta e a renderlo sempre più efficace ed efficiente''.

Lo ha detto l'assessore regionale della Difesa dell'ambiente, Marco Porcu, durante la presentazione dei risultati della Raccolta differenziata 2021, validati dall'Arpas: 79,07% per la Provincia di Nuoro; 78,03% per quella di Oristano; 77,80% per il Sud Sardegna; 73,83% per la Città metropolitana di Cagliari; 71,19% per la Provincia di Sassari. Sono 120 i Comuni che hanno superato l'obiettivo dell'80% di raccolta differenziata, 150 quelli tra il 75% e l'80% e 80 quelli tra il 70% e il 75%.

''In totale, 350 Comuni, corrispondenti all'86% della popolazione, che conseguiranno la premialità regionale - ha aggiunto l'assessore Porcu - I risultati raggiunti confermano l'efficacia delle azioni adottate dall'Amministrazione regionale per il conseguimento degli obiettivi. Però, il livello contenuto della crescita nel 2021 rispetto agli ultimi anni e la crescita esponenziale dei costi di gestione deve indurci a riflettere sulla necessità di dare nuovo e maggior impulso alle politiche sulla prevenzione e sul riciclo dei rifiuti, soprattutto per il mantenimento e il consolidamento degli obiettivi a lungo termine''.

''Per raggiungere migliori risultati in termini di benefici ambientali, ottimizzando l'aspetto economico e l'accettabilità sociale, è necessario un approccio integrato che, partendo da una visione complessiva, ipotizzi l'utilizzo di differenti metodi di raccolta e trattamento, anche con l'implementazione di sistemi informatici di controllo. Si devono approntare nuovi sistemi di gestione dei rifiuti, orientati verso un continuo miglioramento per aumentare la qualità e il rendimento del processo. Tra le novità, il completamento della transizione verso efficaci sistemi di raccolta differenziata; la promozione di filiere di riciclo; la promozione della collaborazione con enti di ricerca per realizzare filiere di riciclo innovative e sperimentali per categorie specifiche di rifiuto; l'efficientamento, l'ammodernamento e il completamento dell'infrastrutturazione impiantistica del territorio regionale; lo sviluppo di politiche integrate di controllo del territorio contro l'abbandono e la dispersione dei rifiuti''. (Adnkronos)

In Primo Piano
Scuola

L'assessora Ilaria Portas: «Niente smartphone in classe, ma la decisione va spiegata»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative