La Nuova Sardegna

Classifiche

Alghero e Olbia al top per l’industria delle vacanze in Sardegna

Alghero e Olbia al top per l’industria delle vacanze in Sardegna

Il report di Sociometrica: per i due comuni un indotto da 400 milioni

03 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Roma, Milano, Venezia, Firenze, Rimini, Napoli. Calamite per i turisti, che con la loro presenza garantiscono un valore aggiunto a molti zeri. La Sardegna arriva con calma, ma arriva: Alghero e Olbia, rispettivamente al 30° e 32° posto a livello nazionale, sono i due comuni della Sardegna che dall’industria turistica traggono il valore aggiunto più significativo, sia in termini assoluti che come valore percentuale.

Lo studio “La ricchezza dei comuni turistici”, realizzato per la società Sociometrica da Antonio Pietri, restituisce uno spaccato piuttosto chiaro delle dinamiche legate al turismo, con la Sardegna che compare nella top100 italiana quasi esclusivamente per i comuni caratterizzati da turismo a vocazione balneare. Per Alghero la presenza turistica garantisce un valore aggiunto pari a 414 milioni di euro, per Olbia vale 401 milioni. Arzachena è 37ª con 353 milioni, Cagliari 43ª con 299 milioni, seguita da San Teodoro (47ª con 293 milioni), Budoni e Villasimius (73ª e 74ª con 231 milioni), Orosei (78ª, 222 milioni) e Muravera (96ª, 197 milioni).

«La misura del valore aggiunto – si legge nel report – è la dimostrazione sintetica di quanto ciascun comune contribuisca alla formazione della ricchezza turistica e di qui, in generale, alla ricchezza nazionale, ma ci sono altri indicatori importanti di cui tener conto, come la capacità del turismo di creare imprese, lavoro, e garantire una situazione di benessere economico che coinvolge l’intera comunità dove il fenomeno è più intenso». (a.si.)

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative