La Nuova Sardegna

Il focolaio

Peste suina, arriva la conferma ufficiale: il nuovo virus è stato importato

di Umberto Aime
Peste suina, arriva la conferma ufficiale: il nuovo virus è stato importato

La polizia veterinaria indaga per ricostruire come il ceppo 2 sia arrivato in Sardegna. Il proprietario dell’allevamento di Dorgali non ha acquistato bestiame nella Penisola

22 settembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari L’ultimo virus del focolaio di peste suina africana, a Dorgali, è lo stesso che ha devastato gli allevamenti del Nord Europa e ora della Lombardia. Il «genotipo 2», dunque, è stato importato. La conferma è arrivata dalle contro analisti effettuati nei laboratori dell’Istituto zooprofilattico sulle carcasse dei tre maiali infetti e poi abbattuti in un allevamento di Dorgali. I sospetti della viglia hanno trovato il peggiore dei riscontri.

«È una variante non autoctona, ma oggi presente in Italia in diverse regioni. Di conseguenza, è un contagio d’importazione e sono in corso le indagini per capire esattamente quali siano state le dinamiche che hanno dato origine al focolaio», ha detto l’assessore alla sanità, Carlo Doria. A questo punto, com’è accaduto con la precedente ondata di peste suina, adesso debellata, la Sardegna è rimasta vittima di quella che potrebbe essere definita un’invasione arrivata dal mare. Dal canto suo il proprietario dell’allevamento finito sotto osservazione ha fatto sapere di non aver importato maiali vivi dalla Penisola in questi ultimi mesi.

Allora cosa potrebbe essere accaduto? Il «ceppo 2» potrebbe essere arrivato in Sardegna quest’estate, semmai dentro alcuni salumi, poi finiti chissà come e perché fra il mangime distribuito nell’allevamento di Dorgali. È solo un’ipotesi, perché comunque saranno le indagini della polizia veterinaria a ricostruire il percorso della nuova minaccia. Cresce l’allarme Il «ceppo 2» ha provocato un disastro nel Vecchio Continente, per poi attaccare gli allevamenti della Pianura Padana. Di recente, nel Padovano, sono stati abbattuti oltre 30mila capi infetti, ma non è bastato per fermare l’epidemia. «La Sardegna ha adottato subito tutti i protocolli necessari per mitigare qualunque rischio – fa sapere l’assessore Doria – Il sistema dei controlli ha funzionato, dimostrando ancora una volta grande capacità di intervento». Secondo la ricostruzione dell’assessore, «in poche ore siamo riusciti a rintracciare il virus e isolare il focolaio», perché, «dopo anni di lotta alla peste suina la nostra guardia continua a essere alta e quanto accaduto ci spinge a mantenere il massimo livello d’attenzione».

Comunque, sempre secondo l’assessore alla sanità, «proprio il fatto che si tratti di un contagio importato non fermerà certo il intrapreso della Regione con l’Europa, per liberare tutti i territori dalle ultime restrizioni ancora imposte da Bruxelles, nonostante da noi la peste suina africana sia ormai debellata». Attenzione massima A sollecitarla è stato di nuovo il presidente della commissione attività produttive, Piero Maieli del Psd’Az, che è un veterinario. «Auguriamoci che il contagio non sia passato dai maiali domestici a quelli allo stato brado, o ai cinghiali. Se fosse accaduto, sarebbe un nuovo disastro. Per questo motivo la guardia non va abbassata, ma rafforzata e tenuta molto alta. Dobbiamo essere severissimi nei controlli, ricordo che quando la peste suina era presente nei nostri allevamenti, nei porti e negli aeroporti i passeggeri sardi venivano addirittura quasi perquisiti, svuotati i bagagli, per verificare che non esportassero salumi». A sollecitare maggiori severità è anche il movimento indipendentista «A innantis», con Franciscu Sedda: «Servono controlli frontalieri e avvertenze per chi arriva in Sardegna. Dobbiamo evitare di vanificare i grandi sforzi e sacrifici fatti dai sardi dal 2014 per eradicare la peste suina e mettere fine a 40 anni di embargo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
Corpo forestale

Incendi, giornata di fuoco: 10 roghi da nord a sud

Le nostre iniziative