La Nuova Sardegna

Politica

Tagli del governo al Pnrr sanità, la presidente Alessandra Todde: «Non accetterò passivamente questa decisione»

Tagli del governo al Pnrr sanità, la presidente Alessandra Todde: «Non accetterò passivamente questa decisione»

La governatrice annuncia battaglia, «è una manovra che mette a rischio la capacità di garantire i servizi sanitari pubblici essenziali alla nostra popolazione»

07 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Alessandra Todde scende in campo contro i tagli del governo ai fondi per la sanità del Pnrr. «Mentre siamo al lavoro per costruire la squadra di governo della nostra Sardegna e dare le prime risposte alle moltissime priorità che abbiamo il compito di affrontare, non posso restare in silenzio di fronte a una decisione che colpisce duramente la Sardegna e le altre regioni d’Italia – è il post che la presidente pubblica su Facebook -. Il drastico ridimensionamento dei fondi del PNRR destinati alla sanità pubblica, voluto e annunciato dal governo Meloni, non rappresenta solo un taglio di bilancio, ma è un vero e proprio attacco alla salute dei cittadini sardi e di tutta l'Italia». La presidente entra nel merito della scelta: «Con una riduzione di quasi 1,2 miliardi di euro dal Pnrr, relativi prevalentemente a opere per la sicurezza sismica delle strutture ospedaliere, e un conseguente taglio della spesa sulla salute in rapporto al PIL, assistiamo a una manovra che mette a rischio la capacità di garantire i servizi sanitari pubblici essenziali alla nostra popolazione».

Nell’analisi della presidente «servirebbero, a livello nazionale, 11 miliardi in più all’anno per tornare ai livelli del 2008 e invece anche per i prossimi due anni non sono previsti aumenti percentuali del rapporto tra spesa nella sanità pubblica e PIL. E questo in un Paese come l’Italia dove già si spende, sempre in rapporto al PIL, circa la metà di quanto viene speso per la sanità in Francia e Germania».

«Si compromette così – sottolinea Todde – non solo il presente ma anche il futuro del sistema sanitario, e proprio in un momento in cui sarebbe necessario e urgente rafforzarlo, visto anche il richiamo della ragioneria di Stato a rendere indisponibili le risorse preordinate all'entrata in vigore delle nuove tariffe e quelle per l'aggiornamento dei Lea - pari a 631 milioni di euro per l'anno 2024 e a 781 milioni di euro a decorrere dal 2025 -, che sino ad ora erano state utilizzate per coprire altre inefficienze delle sanità regionali, fino a quando non si garantirà l'effettivo utilizzo delle stesse per le finalità indicate dalle norme. In sede di Conferenza delle Regioni – continua Todde –  è stato chiesto al governo un impegno formale per l’eliminazione del definanziamento o di prevedere in alternativa il reintegro dei fondi, dichiarandosi pronti a ricorrere alla Corte Costituzionale se tali richieste dovessero rimanere inascoltate. La salute dei cittadini e delle cittadine non può essere messa in pausa. Deve essere garantita nel rispetto dell’art. 32 della Costituzione». Conclude la presidente: «Non accetterò passivamente questa decisione. Chiedo al governo di riconsiderare le proprie priorità e di mettere la salute dei cittadini al primo posto. Farò tutto ciò che è in mio potere per combattere questa decisione e assicurarmi che la voce dei sardi venga ascoltata».

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative