La Nuova Sardegna

La denuncia

Nel 2023 nell’isola 96 tentati suicidi, la garante dei detenuti Irene Testa: «Fermare questo stillicidio»

Nel 2023 nell’isola 96 tentati suicidi, la garante dei detenuti Irene Testa: «Fermare questo stillicidio»

Per domani 18 aprile è previsto flash mob davanti al tribunale

17 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari «I malati psichiatrici e i tossicodipendenti sono troppi e non dovrebbero stare in carcere ma in strutture alternative che in Sardegna non ci sono. Nella mia periodica visita nel carcere di Uta nei giorni scorsi ho trovato l’inferno: un detenuto urinava in cella e beveva la sua stessa urina, riempiva le pareti di escrementi, si affettava le braccia. Un altro ancora viene tenuto in isolamento da mesi, ma è stato sottoposto a tso, vista la sua condizione di disagio psichiatrico. Addirittura in alcune sezioni si fa fatica ad entrare per via dello stato di agitazione di alcuni detenuti. Persone malate che come più volte ho denunciato non dovrebbero stare lì».

Queste le dichiarazioni di Irene Testa, garante regionale delle persone private della libertà della Sardegna. «È chiaro che ogni giorno assistiamo alle denunce della polizia penitenziaria che si ritrova a spegnere incendi a salvare vite dai numerosissimi tentativi di suicidio. Lo scorso anno, solo a Uta, sono stati 46, per un totale di 96 in tutta l’isola. Ho parlato con tre ragazzi che sono stati salvati in extremis, tutti avevano un passato di tossicodipendenza alle spalle, ragazzi fragili che non possono essere trattati all'interno di una cella chiusa. Ragazzi incompatibili col regime carcerario». Per queste ragioni domani 18 aprile, insieme ad altri garanti, alla Camera penale, all’associazione socialismo diritti e riforme, a Don Ettore Cannavera, Testa dalle 11 parteciperà a un flash mob davanti al tribunale. «Sono necessarie misure straordinarie per fermare questo stillicidio di vite umane. Dobbiamo garantire la dignità e i diritti fondamentali».

In Primo Piano
Live

Top 1000, ecco le imprese sarde che crescono: più forti di insularità e gap strutturali

di Giuseppe Centore
Le nostre iniziative