La Nuova Sardegna

L’appello

Gli architetti sardi alla Regione: «Costruiamo insieme la nuova legge urbanistica»


	Edilizia in Sardegna 
Edilizia in Sardegna 

La Federazione regionale e la Rete delle professioni tecniche tendono la mano all’assessore Francesco Spanedda

26 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Per gli architetti sardi è arrivato il momento di costruire una nuova legge urbanistica per la Sardegna. Ma con un percorso di collaborazione tra i professionisti del settore e la Regione. Aron Murgia, presidente della Federazione regionale Architetti Ppc in rappresentanza dei quattro Ordini provinciali fa gli auguri al neo assessore regionale all'Urbanistica, Francesco Spanedda e lancia la proposta di collaborazione. «Facciamo gli auguri all'assessore e confidiamo che si possa aprire una collaborazione e un confronto continuativo e costante con le istituzioni per ridare al comparto urbanistico nuovo vigore e restituire al territorio dignità di luogo da rispettare, tutelare e trasformare in un equilibrio tra esigenze del cittadino, del tessuto produttivo e la tutela del paesaggio. Noi, insieme ai colleghi della Rete delle Professioni Tecniche (Rtp), ci mettiamo a disposizione sin da ora» sottolinea Murgia.

La prima richiesta è di elaborare una nuova e organica legge urbanistica che superi la norma del 1989 e i suoi successivi aggiornamenti: «C'è troppa confusione – sottolinea Murgia - L'attuale normativa, frutto di una sommatoria sregolata di interventi, non risponde più alle istanze che arrivano dai territori. È necessario superare le logiche emergenziali ed elaborare una legge che dia risposte certe, snellisca la burocrazia e fornisca una guida chiara per il futuro».

In secondo luogo, i professionisti isolani, auspicano l'istituzione di un Protocollo d'Intesa sul modello di quanto fatto nella Regione Lazio e come chiesto durante la scorsa campagna elettorale dalla RTP: «Vorremmo nascesse un rapporto di stretta collaborazione tra l'ente pubblico e tutto il comparto professionale per quanto riguarda in particolare alcuni temi: ambiente, energia, lavori pubblici, strumenti di pianificazione territoriale, gestione e tutela del territorio, ricerca e innovazione tecnologica, edilizia pubblica e privata». Gli architetti puntano sulla qualità degli interventi privilegiando la cultura del recupero, della riqualificazione dell'esistente e della rigenerazione urbana. «Per farlo è necessario concentrarsi sulle competenze professionali specifiche e sulla formazione di alto livello rivolta alle pubbliche amministrazioni, ai liberi professionisti, ai cittadini e alle imprese, anche attraverso l’utilizzo di supporti digitali innovativi e di procedure concorsuali che consentano di innalzare la qualità delle proposte di intervento sui territori e del costruito, così da favorire la cultura della bellezza e la cura delle città, dei luoghi e del paesaggio. Anche in questo caso è fondamentale però che la politica abbia volontà di lavorare in questa direzione, mettendo a disposizione le necessarie risorse economiche, approfittando della piena disponibilità e dell’immediata occasione di coinvolgimento degli Ordini professionali degli Architetti PPC della Sardegna» conclude Murgia.

In Primo Piano
Il focus

Top 1000: aziende più forti, il personale la vera ricchezza

di Serena Lullia
Le nostre iniziative