La Nuova Sardegna

La donna aveva 61 anni

Morta l’ex sequestrata Marina Casana

di Gianni Bazzoni

	I fratelli Marina e Giorgio Casana
I fratelli Marina e Giorgio Casana

Era stata rapita dall’Anonima nel 1979 insieme al fratello Giorgio e rilasciati dopo 61 giorni di prigionia

23 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





E’ stato tra i più incredibili sequestri di persona messi a segno in Sardegna durante il periodo dell’Anonima. Il 22 agosto 1979 i banditi arrivarono dal mare fino alla scogliera di Capo Pecora, erano sei e portarono via, ancora in costume, Giorgio e Marina Casana, giovanissimi fratelli torinesi di 15 e 16 anni. La banda si allontanò a bordo del gommone che la famiglia aveva utilizzato per raggiungere quell’angolo di costa. Tornarono in libertà dopo 61 giorni e il pagamento di un riscatto superiore ai 350 milioni di lire.

Marina Casana è morta mercoledì 22 maggio all’ospedale Gradenigo di Torino dove era ricoverata da dieci giorni, aveva 61 anni. A dare la notizia è stato il fratello Giorgio che ha pubblicato una loro foto da adolescenti. I due erano legatissimi: “Io e lei siamo due gemelli mancati”, ha raccontato. Avevano quattordici mesi di differenza. I funerali si svolgeranno sabato nella chiesa di San Massimo a Torino, città dove la donna ha sempre vissuto. Il 1979 fu l’anno terribile dei sequestri di persona in Sardegna: vennero rapiti anche Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi.

Il rapimento di Giorgio e Marina Casana è stato raccontato anche in un docufilm realizzato dalla Rai qualche anno fa. Emersero dalle loro testimonianze alcuni particolari inediti. Fu la mamma dei ragazzi a intimare ai banditi di non portare via solo Marina ma di prendere anche il fratello: “Lei da sola non viene, prendete anche lui”. E forse fu una scelta che consentì a fratello e sorella di salvarsi.

Durante i due mesi di prigionia, Giorgio e Marina raccolsero parecchi indizi poi risultati determinanti per identificare i sequestratori. Il fratello confermò che Marina fu molto più brava di lui: “I suoi racconti furono decisivi”. Per il rapimento di Giorgio e Marina Casana a conclusione dell’inchiesta coordinata dal magistrato Ettore Angioni sono state emesse condanne per 198 anni di carcere nei confronti degli undici componenti della banda di sequestratori.

In Primo Piano
Il racconto

Fiamme tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

di Enrico Carta

Energia

Impianti fotovoltaici in Sardegna: varata la norma che stabilisce i limiti nelle installazioni per i prossimi 18 mesi

Le nostre iniziative