La Nuova Sardegna

L’interrogatorio di garanzia

Delitto di Sinnai, disposta la perizia psichiatrica per Andrea Tidu

di Andrea Massidda
Delitto di Sinnai, disposta la perizia psichiatrica per Andrea Tidu

Davanti al giudice, che ha convalidato l’arresto, il giovane indagato per aver ucciso la madre si è avvalso della facoltà di non rispondere

18 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari E’ stata disposta la perizia psichiatrica, nei confronti di Andrea Tidu, il ventisettenne indagato in quanto sospettato di avere ucciso la madre Maria Dolores Cannas con una coltellata alla schiena. Il delitto è avvenuto nel pomeriggio di domenica scorsa a Sinnai, un popoloso centro dell’hinterland cagliaritano.

Stamattina 18 giugno, infatti, il giudice del Tribunale di Cagliari Giorgio Altieri ha convalidato l’arresto del giovane, il quale – assistito dall’avvocato Roberto Zanda - durante l’interrogatorio di garanzia si è avvalso della facoltà di non rispondere mostrando comunque atteggiamenti che hanno indotto il magistrato a nominare un consulente psichiatrico per stabilirne lo stato di salute mentale, verificarne la pericolosità sociale ed, eventualmente, sollevare anche il dubbio sulla sua imputabilità.

Nel frattempo Andrea Tidu attenderà l’esito della vicenda giudiziaria in una cella del carcere di Uta, dove da lunedì scorso è stato sottoposto a misura cautelare, come richiesto e ottenuto dal sostituto procuratore Enrico Lussu, titolare dell’inchiesta.

Per quanto riguarda le indagini svolte dai carabinieri della Compagnia di Quartu Sant’Elena, gli inquirenti mantengono ancora assoluto riserbo sull’ipotesi trapelata ieri che la lite poi degenerata in tragedia sia scoppiata a causa di un netto diniego da parte dei genitori di fare usare l’automobile di famiglia al figlio.

In Primo Piano
Il caso

Riprendono le ricerche di Francesca Deidda: dopo il ritrovamento di accappatoio e byte dentale nella zona di San Vito in azione i sommozzatori

di Luciano Onnis
Le nostre iniziative