Il mondo sfila per le strade di Usini

In programma domani la kermesse folcloristica “A manu tenta” con gruppi tradizionali in arrivo dai cinque continenti

USINI. I colori, le cultura e le tradizioni del mondo s’incontreranno per due giorni, sabato e domenica, all’interno del paese vestito a festa, per dare vita alla grande festa dei popoli con un messaggio forte di pace, fratellanza e uguaglianza usando come veicolo i canti, le danze e le musiche. Il tutto si svolge in occasione del Festival Internazionale di balli, canti ed espressioni popolari “A manu tenta” giunto alla 16° edizione, organizzato dall’Associazione Culturale Gruppo Folk San Giorgio di Usini. La ricca kermesse metterà in vetrina le bellezze provenienti dall’Argentina (Grupo popular danzante - Escuela de Danzas “Cecilia Dericia”), Senegal (Associazione Kora music tribal), Macedonia (Folklore Ensemble Keramicar), Lituania (Zaras Kultros Centras), Brasile (Gruppo Sambaue), Serbia (Ensemble of folkdance and folksongs Branko Radicevic Ruma). I gruppi internazionali si fonderanno con la cultura sarda rappresentata dai gruppi folk di Meana Sardo (Gruppo folk Pro Loco), Ploaghe (Gruppo folk “Salvatore Manca”, Macomer (Gruppo folk “Santa Barbara”), Villanovatulo (Gruppo folk “Tziu Pittanu”). Insieme alla tradizione folcloristica un ampio spazio è dedicato all’etno-gastronomia con la sagra “Sabores de Sardigna”, per fare conoscere e gustare ai turisti i profumi e i sapori tipici della Sardegna con degustazioni e vendita di pasta tipica, pesce, porcetto arrosto, monzette, torrone e seadas e ovviamente gli ottimi vini cagnualari e vermentino di Usini. «Siamo onorati - dice Gavino Piras presidente del San Giorgio -. di ospitare per la prima volta, i Mamuthones e Issohadores di Mamoiada. Inoltre grazie alla collaborazione con l’associazione Limes, avremo occasione di dare un servizio efficiente a tutti i turisti che vogliono assaporare le prelibatezze isolane». Il via quindi verrà dato domani alle 18, in piazza Europa con l’apertura degli stand dedicati alla sagra. Alle 20, parata dei gruppi, con partenza dalle scuole elementari (via Paganini) fino a piazza Europa, con gli abiti tradizionali dell’Argentina, Macedonia, Senegal, Serbia, Meana Sardo e gruppo folk San Giorgio. Gli stessi gruppi alle 21,30 daranno vita allo spettacolo di musiche canti e danze. Presenta la serata Giuliano Marongiu. Domenica alle 18, apertura degli stand della sagra “Sabores de Sardigna”, in Piazza Europa. Alle 18, nella chiesa di Santa Croce verrà celebrata la Messa dei popoli animata dai canti dei gruppi ospiti e dal coro Logudoro. A seguire grande parata per le vie del paese con i gruppi internazionali dell’Argentina, Macedonia, Senegal, Lituania, Serbia e Brasile, e dei gruppi della Sardegna provenienti da Macomer, Ploaghe, Villanovatulo, con la speciale partecipazione delle maschere di Mamoiada con Issohadore e mamuthones gruppo “Pro loco Mamoiada” e Scano Montiferro con “S’ainu orriadore”. Alle 21,30 in piazza Europa spettacolo con la partecipazione dei gruppi internazionali di Argentina, Senegal, Lituania e Brasile; dei gruppi regionali Macomer “Santa Barbara”, Ploaghe “Salvatore Manca” , Villanovatulo “Tziu Pittanu”. Presenta la serata Stefano Di Franco.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes