Asinara: festa per la “liberazione” della tartaruga Calvì

PORTO TORRES. C’era tanta gente ieri pomeriggio sulla spiaggia dell’Ossario per salutare con un applauso la tartaruga “Calvì” che nuotava prendendo il largo verso il mare aperto. Una cerimonia...

PORTO TORRES. C’era tanta gente ieri pomeriggio sulla spiaggia dell’Ossario per salutare con un applauso la tartaruga “Calvì” che nuotava prendendo il largo verso il mare aperto. Una cerimonia semplice ma molto partecipata in occasione del TartaLife, giornata evento dedicata alle tartarughe marine, dove l’Ente Parco dell’Asinara si è presentato al gran completo per vedere il bell’esemplare di Caretta caretta in perfetta salute riprendere di nuovo la via dell’acqua salata. La Caretta caretta era stata recuperata il 20 febbraio dal personale della riserva naturale di Bonifacio, nella cittadina di Calvì, e per questo motivo è stato deciso di chiamare la tartaruga come la località della Corsica che l’aveva salvata e poi consegnata al personale del Centro recupero animali marini dell’Asinara. «Bisogna ringraziare soprattutto il personale che opera all’interno del Crama - ha detto il presidente dell’Ente Parco Pasqualino Federici -, che negli ultimi mesi ha curato e liberato circa sessanta esemplari mostrando professionalità e competenza». Il progetto TartaLife è condotto in collaborazione con i pescatori e promosso nelle 15 regioni italiane che si affacciano sul mare. (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes