Il popolo della notte più sicuro con Guida Boh!

L’iniziativa risponde alle esigenze degli utenti e dei gestori dei locali pubblici Una rete di autobus e taxi per andare e tornare da discoteche, bar e ristoranti

SASSARI. La guida sicura dopo una notte passata in discoteca, al ristorante o in un pub? Praticamente non esiste a meno che l’autista di turno decide di rinunciare all’alcol. Un problema, anzi un incubo, che moltissime famiglie vivono quando i figli mettono in moto l’automobile per trascorrere la serata in un locale. Un problema al quale vuole dare una risposta l’iniziativa presentata ieri all’hotel Grazia Deledda da un giovane imprenditore, Oscar Pinna, che ha deciso di mettere insieme le esigenze delle famiglie, quelle delle imprese di autotrasporto, quelle dei locali pubblici, dai bar alle discoteche. Questo grazie alla piattaforma “Guida Boh!” con la quale si possono prenotare a costi decisamente concorrenziali, gli automezzi con i quali si vogliono raggiungere i locali pubblici e - soprattutto - dai rientrare in sicurezza. Un servizio che, singolarmente, alcuni locali avevano organizzato ma che non ha avuto successo per una serie di ragioni. Quello di “Guida Boh!” è invece un servizio ad ampio raggio, che intende collegare Sassari con Porto Torres, Stintino, Alghero, Palmadula, La Corte, Campanedda, Castelsardo, Nulvi, Ozieri, Sorso e Sennori. Ma l’intento è quello di allargare la sfera di azione fino a Oristano, Macomer e Olbia. «Basta andare sul web, cliccare sul nostro sito Guida Boh! e troverete tutto – ha spiegato Oscar Pinna –, gli orari, i mezzi, i luoghi dell'appuntamento, il modo per viaggiare, dal pullman di 54 posti alla macchina di otto posti, e poi ancora i taxi e i locali dove sostare per un aperitivo o una pizza prima di raggiungere la discoteca. Fare il biglietto, acquistare le offerte e mettersi in viaggio». I primi ad aderire all'iniziativa sono stati i titolari delle agenzie di trasporti, Baraghini, Fara viaggi, Anglona tour e la coop Radio taxi Sassari, mentre i locali notturni che hanno risposto all’appello di Guida Boh! sono stati il Blu Star di Ossi, il Triciclo, Repubblica, Le Iene, Twentysix, Il Touch, e Buio di Sassari, e il Grazia Deledda ha messo a disposizione la struttura alberghiera.

Alla presentazione dell’iniziativa erano presenti il comandante dei vigili urbani di Sassari Maria Luisa Masala, il responsabile del 118 Piero Delogu e il presidente provinciale della Fipe-Confcommercio di Sassari Enrico Daga. «Un progetto che merita più attenzione da parte delle istituzioni e del mondo della scuola – ha detto Enrico Daga –: i Comuni, per esempio, potrebbero contribuire ad abbattere i costi di trasporto per gli studenti meritevoli o che versano in particolare disagio economico». Ma, ha aggiunto Daga, la speranza è che il servizio non sia solo “sassaricentrico” ma consideri anche le esigenze delle realta economiche dei centri costieri. Che, ha sottolineato Oscar Pinna, è uno dei traguardi che si pone per il futuro la piattaforma di Guida Boh!. Una piattaforma alla quale si potrà accede anche grazie a una “app” gratuita e che non solo fornirà indicazioni sui tragitti, gli orari e i costi dei biglietti (che variano fra gli 8 e i 18 euro per andate a ritorno), ma anche sulle iniziative, gli eventi organizzati dai locali che aderiscono a Guida Boh!. Iniziativa vista con favore anche dalle forze dell’ordine. A queste ultime, alle istituzioni, al mondo della scuola resta un altro compito: e cioé quello di educare i giovani a un consumo consapevole e moderato dell’alcol. Che resta il principale imputato, con le sostanze stupefacenti, della stragi del sabato sera.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes