La Nuova Sardegna

Sassari

Capotreno aggredita a Porto Torres, Trenitalia: «Un diverbio ma nessun palpeggiamento»

Capotreno aggredita a Porto Torres, Trenitalia: «Un diverbio ma nessun palpeggiamento»

L'azienda ricostruisce l'accaduto, per il quale non è stata presentata alcuna denuncia

16 luglio 2017
1 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. Non ha ancora presentato alcuna denuncia la capotreno di 55 anni che ieri mattina è stata vittima di un'aggressione da parte di un gruppo di nigeriani mentre controllava i biglietti a bordo del treno regionale 26981 che da Porto Torres porta a Sassari. Trenitalia ha ricostruito quanto accaduto a bordo del convoglio sentendo la stessa protagonista.

[[atex:gelocal:la-nuova-sardegna:sassari:cronaca:1.15616830:gele.Finegil.StandardArticle2014v1:https://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2017/07/15/news/porto-torres-capotreno-aggredita-e-molestata-controllava-i-biglietti-1.15616830]]

Si è trattato, secondo la ricostruzione, di una aggressione verbale, un diverbio. La capotreno stava controllando i biglietti quando ha raggiunto il gruppo di stranieri, circa una decina di persone, molti dei quali erano senza ticket. Solo alcuni di loro si sarebbero agitati, iniziando a inveire contro la donna. In queste fasi concitate, la capotreno sarebbe stata sfiorata su un braccio o su una gamba, nessun palpeggiamento quindi, precisa Trenitalia riferendosi alla ricostruzione fornita ieri dai sindacati.

La donna è poi andata in cabina dal macchinista e ha avvertito, come avviene sempre in queste occasioni, la Polizia ferroviaria. Al momento, conferma Trenitalia, non è stata presentata alcuna denuncia e la capotreno non si è fatta visitare in ospedale. La Polizia già ieri aveva identificato tutti gli stranieri coinvolti nella vicenda.

In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative