Sospetto caso di coronavirus nel Sassarese, i primi test sul bimbo sono negativi

Sotto osservazione un bambino di origine cinese di due anni rientrato di recente dalla Cina

SASSARI. I primi risultati delle analisi su un tampone faringeo eseguito sul bambino di 2 anni di origine cinese (e non sardo come appreso in un primo momento) sono negativi ma i medici aspettano gli esiti di ulteriori approfondimenti per scongiurare definitivamente che si tratti di coronavirus. Il piccolo era rientrato 15 giorni fa insieme alla sua famiglia da un viaggio in Cina, a Pechino e ora, da qualche giorno, ha la febbre. Così è stato isolato in casa insieme alla famiglia, e sono state avviate le procedure per tutti gli accertamenti del caso.

Il reparto Malattie infettive dell'ospedale di Sassari è attrezzato e pronto per fronteggiare questo tipo di emergenze. Sul caso, l'assessore alla Sanità della Regione Sardegna, Mario Nieddu, predica calma e allontana ogni allarmismo. «Siamo davanti a un eccesso di zelo nella segnalazione. La famiglia è rientrata dalla Cina più di 15 giorni fa, quindi non rientrerebbe nemmeno nei casi da segnalare. Comunque abbiamo attivato il protocollo sanitario e aspettiamo i risultati dei test».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes