Villanova, nelle campagne arriva la corrente elettrica

Dopo anni di attesa il servizio è stato installato a Monte Minerva e Su Monte Oltre quaranta aziende agricole potranno presentare la domanda all’Enel

VILLANOVA MONTELEONE. Finalmente è diventata realtà la rete di elettrificazione rurale dell’agro di Villanova. Dopo anni di attesa e tanto lavoro per giungere alla sua realizzazione, la rete di elettrificazione rurale, installata nella località Monte Minerva - diramazione Su Monte, può dirsi conclusa e pienamente funzionante.

Così oltre quaranta aziende zootecniche del territorio villanovese potranno avere la corrente elettrica “in casa”, al servizio dell’utenza agricola, con l’allacciamento diretto alla linea dell’Enel.

Per il sindaco Quirico Meloni «l’opera è un risultato importante e, sino a non troppo tempo fa, quasi insperato, ma, grazie alla determinazione di questa amministrazione comunale, e in particolare dei consiglieri delegati Giovanni Piras e Giuseppe Galleri, dei tecnici e funzionari dell’Enel di Sassari e alla professionalità e disponibilità dei tecnici e maestranze della ditta Selt di Marrubbiu, è diventato un fatto concreto e tangibile».

«Tutti gli imprenditori agricoli interessati ad avere in azienda la corrente elettrica, possono ora presentare la domanda di allaccio elettrico all’Enel che, in breve tempo, provvederà alla fornitura della corrente alle singole utenze – annuncia Quirico Meloni –. Proprio in questi giorni si sta attivando la nuova linea di elettrificazione rurale, ad iniziare dalla diramazione di Monte Minerva per interessare successivamente Su Monte».

Il progetto di elettrificazione rurale per Su Monte e Monte Minerva ha avuto inizio nel 2004, sotto l’amministrazione Monti. «La progettazione aveva però contemplato la sola realizzazione delle linee di media tensione e non anche quelle di bassa tensione, precludendo di fatto l’allaccio elettrico alle singole aziende agricole – spiega il sindaco di Villanova –. Ossia era stata realizzata un’opera monca e inutilizzabile. Di fatto, era come un autostrada, ma si era “dimenticata” di realizzare gli svincoli in uscita».

Per consentire la presa in consegna delle linee di elettrificazione rurale da parte dell’Enel ed il successivo allaccio alle singole aziende zootecniche, era infatti necessario installare i cosiddetti “rami” di bassa tensione.

Adesso, con la realizzazione delle linee di bassa tensione l’Enel potrà procedere all’attivazione delle singole utenze aziendali, completando e rendendo funzionale la rete di elettrificazione rurale. Nel frattempo si è anche provveduto al pagamento delle indennità di servitù a favore dei proprietari dei fondi attraversati dai pali e dalle linee elettriche, con un apposito stanziamento di risorse nel bilancio comunale.

Notevole è stato l’impegno sotto il profilo burocratico-amministrativo, in quanto bisognava acquisire i numerosi pareri e autorizzazioni da parte di uffici dello Stato, Regione e Provincia, ma anche i certificati di conformità alle norme di legge dei singoli componenti elettrici.

«Questo importante servizio– conclude il sindaco Meloni – consentirà a molte aziende agricole del nostro territorio di essere più competitive, migliorando l’efficienza ed abbattendo i costi aziendali».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes