Incidente mortale a Sassari, indagato per omicidio stradale l'amico 17enne della ragazzina deceduta

Il giovane conducente della moto non aveva bevuto né assunto droghe, indagini della polizia locale sulla dinamica della tragedia

SASSARI. È stato iscritto nel registro degli indagati per omicidio stradale dal procuratore dei minori Elena Pitzorno l’amico 17enne di Elisa Riccobono che sabato sera guidava l’Aprilia 125 su cui i due giovani erano saliti per andare a fare un giro durante la festa di carnevale di Li Punti.

Il minorenne, difeso dall’avvocata Aldina Mattana, ieri mattina – ancora sotto choc – è stato sottoposto a un intervento chirurgico per ridurre le fratture riportate nella caduta a Baldinca. I danni fisici passeranno in fretta, ma ora avrà bisogno di un sostegno psicologico per superare il trauma legato alla tragedia che ha sconvolto tutta la città. Dopo l’incidente – su richiesta degli agenti della polizia locale – il giovane è stato sottoposto alle analisi, ma è risultato negativo sia all’assunzione di alcol che di sostanze stupefacenti. Il 17enne aveva da poco preso il foglio rosa e sabato sera aveva deciso di far provare la sua moto agli amici che si trovavano con lui al Palatenda di Li Punti. Elisa aveva ballato per ore insieme alle amiche e anche lei, vestita da diavoletto, aveva voluto sentire il vento in faccia seduta dietro quell’amico gentile che studiava nella sua stessa scuola, il liceo sportivo di Porto Torres. Gli agenti della polizia locale, guidati dal comandante Gianni Serra, stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. Ieri sono state acquisite le immagini di tre videocamere di sorveglianza presenti nella zona. Serviranno per capire se il giovane stesse correndo troppo.(l.f.)

Una folla immensa per l'ultimo saluto alla quindicenne Elisa


 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes