Saba: basta all’ordine cronologico per i sussidi

SASSARI. Basta con il “criterio cronologico”, usato spesso dalle pubbliche amministrazioni per decidere come distribuire sussidi e aiuti. Lo chiede il coordinatore cittadino dei Riformatori Michele...

SASSARI. Basta con il “criterio cronologico”, usato spesso dalle pubbliche amministrazioni per decidere come distribuire sussidi e aiuti. Lo chiede il coordinatore cittadino dei Riformatori Michele Saba. «L'andazzo di questi ultimi anni da parte del legislatore nazionale - attacca - via via ripreso dalle Regioni e dai vari Comuni, è quello di subordinare le domande, soprattutto se avente ad oggetto contributi o sussidi a vantaggio del cittadino al "criterio cronologico", spesso causa di esclusione o di ritardo del buon esito delle stesse. Lo abbiamo visto in questi giorni con i 600 euro Inps o con gli 800 euro regionali. E il medesimo criterio cronologico è stato seguito dalla cassa forense per il “bonus avvocati”. Il criterio cronologico deve essere usato come il sale in cucina: a piccole dosi e per casi ben specifici». «Notiamo invece – continua Saba – che ogniqualvolta ci sia un contributo, uno sgravio, una detassazione o un sussidio a vantaggio di una determinata categoria di cittadini o di lavoratori, ricompare, portando a mortificanti corse. Bisogna smettere, non è più periodo di odiose disparità di trattamento, soprattutto in tempi di pandemia, di povertà e di difficoltà generalizzate».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes