Libyssonis, diplomati quattordici nuovi bagnini

Conclusi con successo nella spiaggia dello Scoglio Lungo i corsi coordinati da Silvia Fioravanti

PORTO TORRES. La piscina Libyssonis si conferma attiva nella formazione degli assistenti ai bagnanti. Giovani che frequentano l’impianto e dopo avere ottenuto l’attestato hanno l’opportunità di trovare occupazione estiva negli stabilimenti balneari del territorio.

In settimana quattordici assistenti bagnanti di Porto Torres hanno ottenuto proprio l'abilitazione alla sorveglianza balneare per il mare - esaminati dal tenente di vascello Matteo Orsolini e dal maresciallo Antonio Pisano della Capitaneria di porto - superando a pieni voti le prove nella spiaggia dello Scoglio lungo. La coordinatrice Silvia Fioravanti ha concluso il percorso iniziato a gennaio e sono oltre 600 gli assistenti bagnanti formati dal 2007 a oggi a Porto Torres: una conferma dell’interesse della gestione della piscina sulla prevenzione degli annegamenti. Dal punto di vista sportivo il nuoto a Porto Torres è una realtà importante anche a livello agonistico, con i tioli regionali e i piazzamenti nazionali conquistati dai giovanissimi atleti allenati da Ilario Ierace ed Enrico Cargiaghe.

La disciplina ha poi valori sociali e inclusivi grazie ai progetti “Gavino il Bagnino”, “Albatross”, “Riemergere” e “la Virata”. Programmi tutti nati nella piscina Libyssonis – attraverso le proposte del presidente regionale della Federnuoto Danilo Russu e dello psicologo dello sport Manolo Cattari - ed esportati anche oltre il Tirreno. Meritando riconoscimenti importanti da parte dei principali enti nazionali. (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes