Flc Cgil e precari : graduatorie zeppe di errori, il Miur corregga

SASSARI. Graduatorie degli insegnanti, il pasticciaccio continua. Lo denunciano la Flc Cgil di Sassari e il Coordinamento precari scuola Sardegna: «Già durante la compilazione e l’invio della domanda...

SASSARI. Graduatorie degli insegnanti, il pasticciaccio continua. Lo denunciano la Flc Cgil di Sassari e il Coordinamento precari scuola Sardegna: «Già durante la compilazione e l’invio della domanda era chiaro che le graduatorie finali sarebbero state zeppe di errori, e così è stato, con danni per centinaia di precari che si produrranno in questi giorni».

Un caos con punteggi errati, spesso in clamoroso eccesso, titoli non riconosciuti. Il tutto condito dall’assenza di indicazioni operative chiare in relazione alla gestione di questi errori. Il risultato, una babele di comportamenti differenti e discordanti da parte delle segreterie delle scuole, chiamate a verificare la regolarità delle domande. «Queste, nel silenzio del Ministero, e davanti a centinaia di reclami contro errori spesso clamorosi, hanno spesso respinto i reclami senza neanche poterli approfondire adeguatamente, mettendo, così, i docenti danneggiati difronte a due scelte: lasciar perdere, subendo l’ingiustizia, oppure iniziare a valutare la possibilità di intraprendere la via giudiziaria». I tempi, però, sono stretti: «Quelle graduatorie – dicono il sindacato e i precari – stanno per essere usate, con tutti i loro errori, dall’Ufficio scolastico provinciale, e più avanti dalle scuole per assegnare le supplenze annuali e quelle brevi».

La Flc-Cgil di Sassari e il Coordinamento Precari Scuola Sardegna, ribadiscono con forza la richiesta di indicazioni perentorie dal ministero e un intervento di verifica approfondita e di pulitura delle graduatorie, per restituire punteggi corrispondenti alla realtà e non penalizzare i docenti».

E annunciano: «Ribadiamo, infine, che stiamo già valutando le strade da intraprendere qualora tali richieste non venissero accolte: non siamo disposti ad accettare queste clamorose ingiustizie».



WsStaticBoxes WsStaticBoxes