Ittireddu: avanti i giovani in giunta

Tra i banchi anche Sechi e Satta, per una squadra all’insegna del rinnovamento

ITTIREDDU. A pochi giorni dalle elezioni comunali è praticamente già al lavoro la nuova amministrazione comunale di Ittireddu. Si è trattato infatti di una riconferma per il sindaco Franco Campus e per altri componenti della maggioranza e della giunta, ma come assicura il primo cittadino entro breve si vedrà il rinnovamento perché la giunta andrà a comprendere alcuni dei nomi nuovi presenti nella compagine presentatasi alle elezioni. Campus non anticipa molto, e rinvia all’insediamento del consiglio che si terrà il prossimo sabato 7 novembre, ma fa trapelare che due dei tre candidati giovani entreranno nell’esecutivo comunale. Oltre ai consiglieri confermati, le elezioni hanno premiato Antonio Delogu, militare ventisettenne, che entrerà in consiglio, e Valentina Sechi, ventunenne che lavora nel campo delle assicurazioni, «che pur non essendo stata eletta farà parte della giunta, nella traccia del percorso già seguito nella precedente amministrazione basato sulla logica di coinvolgere tutto il gruppo di lavoro, unito da un progetto comune». In giunta ci sarà anche Martina Satta, studentessa di 23 anni, che è stata la candidata più votata in paese con 46 voti (quasi un record in paese e un risultato egregio se si pensa che i voti totali della lista sono stati 238). Martina è alla sua prima esperienza, e confessa di essere rimasta molto stupita da un risultato «per il quale ringrazio i miei compaesani ma anche, per il sostegno e l’incoraggiamento, la mia famiglia ma soprattutto tutto il gruppo dei candidati». Un gruppo affiatato, lo definisce il sindaco Campus, e pronto a mettersi subito al lavoro per seguire i progetti già in itinere e avviare una nuova programmazione.

Il primo cittadino manda avanti i giovani, «che grazie a questa esperienza si formeranno per essere la classe dirigente del futuro», ma il suo ragionamento non convince chi al contrario, con una lista incentrata proprio su volti e idee nuovi, le elezioni invece le ha perse, e con un distacco di ben 100 voti. Francesco Cherchi ribadisce la delusione già espressa a caldo, e anche a distanza di giorni si dice convinto che «a vincere le elezioni a Ittireddu è stata la vecchia politica delle parentele e non un vero progetto di rinnovamento». Annunciando una opposizione comunque «leale e costruttiva», Cherchi invita i cittadini a seguire i futuri consigli comunali, «e rendersi così conto delle competenze dei consiglieri». (b.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes