Coltivavano piante di marijuana ma era per uso personale: assolti

SASSARI. Le cinque piantine di marijuana crescevano rigogliose all’interno di una piccola imbarcazione che una coppia di giovani algheresi aveva sistemato nel giardino di casa. Nessun ingegnoso...

SASSARI. Le cinque piantine di marijuana crescevano rigogliose all’interno di una piccola imbarcazione che una coppia di giovani algheresi aveva sistemato nel giardino di casa. Nessun ingegnoso impianto di irrigazione o lampade alogene per accelerare il processo di crescita ed essiccazione delle piante, solo la luce del sole e ogni tanto un po’ d’acqua.

È stato proprio questo, la mancanza di impianti artificiali e marchingegni solitamente utilizzati da chi dalla coltivazione della marijuana ricava degli introiti, a evitare una condanna penale alla coppia che nel 2017 era stata denunciata a piede libero dopo un controllo delle forze dell’ordine.

I giorni scorsi i due algheresi, difesi dall’avvocato Danilo Mattana, sono stati assolti dal giudice Giulia Tronci del tribunale di Sassari perché il fatto non costituisce reato. Accogliendo un recente orientamento della Cassazione, il giudice ha ritenuto che le piante di marijuana fossero ad uso esclusivamente personale proprio per le modalità di rinvenimento da parte delle forze dell’ordine e l’assenza di impianti di illuminazione artificiale.

Secondo quanto stabilito dalle sezioni unite penali della suprema corte (con la sentenza del 16 aprile 2020 numero 12348) non è punibile infatti chi coltiva cannabis in casa per uso personale qualora l’esiguità del numero di piantine e i mezzi utilizzati consentano di escludere lo spaccio.

La coppia di algheresi era stata fermata quattro anni per un controllo alle porte di Alghero. L’uomo aveva nascosto goffamente una “canna” sotto il sedile del passeggero nel quale si trovava, mentre la compagna si trovava alla guida. Il gesto non era sfuggito alle forze dei polizia che avevano deciso di estendere la perquisizione alla loro abitazione. Dentro un piccolo motoscafo custodito nel giardino di casa della coppia erano state trovate cinque piante di marijuana. Era scattata la denuncia, ma dopo quattro anni la coppia ha scoperto di non aver commesso alcun reato. (l.f.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes