Il violoncellista Ormezowsky a San Gavino

PORTO TORRES. È uno dei musicisti tra i più celebrati a livello internazionale, il violoncellista Franco Maggio Ormezowsky, e oggi alle 21 salirà sull’antico palcoscenico della basilica di San Gavino...

PORTO TORRES. È uno dei musicisti tra i più celebrati a livello internazionale, il violoncellista Franco Maggio Ormezowsky, e oggi alle 21 salirà sull’antico palcoscenico della basilica di San Gavino accompagnato al pianoforte dal maestro Claudio Sanna. Un concerto che propone un suono straordinario e una tecnica impeccabile: l’esibizione di brani quali la “Sonata in la minore” di Franz Schubert, nota come Arpeggione, un soprannome dovuto al fatto che in origine il brano era destinato ad uno strumento, inventato dal liutaio viennese Johann Georg Stauffer e fortemente sponsorizzato dal virtuoso violoncellista Vincenz Schuster come una sorta di incrocio fra violoncello e chitarra. Nel repertorio “Fünf Stücke Im Volkston, opera 12” di Robert Schumann e la “Sonata in mi minore” di Johannes Brahms.

Ormezowsky ha iniziato giovanissimo lo studio del violoncello, diplomandosi all’istituto Boccherini di Lucca e successivamente seguendo i corsi di perfezionamento con Cassado e Navarra all'accademia musicale di Siena. A 14 anni ha vinto il primo premio al concorso nazionale per giovani solisti all’Accademia Santa Cecilia e da quel momento ha iniziato una lunga carriera di successi come solista e con grandi orchestre sinfoniche, d'archi e da camera.

Ha suonato inoltre con Salvatore Accardo e attualmente collabora stabilmente in quartetto con Uto Ughi. L’appuntamento odierno si inserisce nella sedicesima edizione di Musica & Natura. (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes