«Notti insonni per gli ululati dei cani»

Esposto al sindaco da via Conti e via Eleonora d’Arborea contro la proprietaria

PORTO TORRES. Per i residenti di via Antonio Conti e via Eleonora d’Arborea la notte non c’è pace a causa degli ululati dei cani che disturbano il riposo. Un problema che va avanti da qualche anno e che ha costretto diverse famiglie a presentare un esposto per disturbo alla quiete pubblica e getto di cose pericolose al sindaco Massimo Mulas.

«Nel corso del giorno e della notte i cani abbaiano e ululano continuamente – scrivono i residenti di via Conti e via Eleonora D’Arborea – recando disturbo alla quiete pubblica e al riposo notturno del vicinato: a ciò si aggiunge la difficoltà a svolgere le attività di studio dei nostri figli, giovani studenti, e i cattivi odori provenienti dall’abitazione dove sono tenuti gli animali, causata verosimilmente da una igiene trascurata del luogo, tale da determinare un fetore insopportabile per noi che viviamo nelle immediate vicinanze».

I cittadini lamentano anche il fatto che il disagio sia stato più volte segnalate alla proprietaria dei cani, ma nulla è stato fatto per eliminare tale disturbo. «Le nostre case– aggiungono –, luogo in cui la famiglia ha diritto di vivere in serenità, rilassatezza e quiete sono diventate per noi tutti fonte di irrequietezza e malessere con conseguente disturbo psichico. È evidente che tale situazione è lesiva del diritto alla salute, costituzionalmente garantito».

Ci sono anche altre zone della città dove gli abitanti si lamentano per gli ululati dei cani nelle ore in cui le persone dovrebbero riposare, creando situazioni di disagio soprattutto per chi si alza presto al mattino per andare a lavorare. Sulle vie Conti e Arborea la situazione è però diventata al limite della sopportazione. «Chiediamo pertanto all’amministrazione comunale di intervenire urgentemente – concludono – con il sequestro dei cani e la pressione sulla attuale proprietaria a firmare la cessione degli animali, perennemente soli, al fine di porre fine al disagio che oramai da troppo tempo i cittadini di questo quartiere (fino ad oggi non tutelati evidentemente) si trovano costretti a sopportare nelle proprie abitazioni». (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes